Politica

Lo spot del Buondì Motta che deride la musica napoletana

Borrelli e Simioli: “Abbiamo lanciato una campagna per invitare gli ascoltatori a consumare prodotti delle aziende del sud. Visione parodistica e offensiva di una tradizione che ha scritto la storia della musica mondiale. La Motta ritiri lo spot e presenti le scuse”

 

 

Napoli, 8 Ottobre – “Troviamo profondamente stucchevole che la campagna pubblicitaria di un’azienda italiana diffonda una visione parodistica e offensiva della musica napoletana. Il nuovo spot del Buondì Motta è una pessima rappresentazione di una tradizione che scritto pagine indelebili della storia della musica mondiale. Sarebbe il caso che i creatori di questo scempio si vadano a documentare sul valore della canzone napoletana che, ancora oggi, rappresenta un patrimonio che il mondo ci invidia. Non è un caso che brani come “‘O Sole mio” siano ancora oggi tra i più famosi nel mondo. Siamo stanchi di questi attacchi strumentali alla napoletanità. Per questa ragione, nella puntata di martedì, abbiamo invitato tutti i radioascoltatori a consumare prodotti delle aziende del Mezzogiorno”.

Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli. “Risulta molto triste – proseguono – che un’azienda tenti di diffondere un proprio prodotto svilendo un prodotto che è simbolo della napoletanità. Quando si parla di “musica Napoli” c’è ben altro da proporre che una parodia neomelodica. Sarebbe dunque il caso di ritirare questo assurdo spot e di presentare delle scuse. Quei quindici secondi di non sono né simpatici né accattivanti, e non fanno ridere nessuno, se non chi aspettava un altro pretesto per gettare fango su tutto quello che è legato a Napoli”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa