Politica

Internet, B. Matera:”Su contrasto cyberbullismo serve direttiva europea, pronta a iniziative politiche”

Roma, 27 settembre 2016 – “Il contrasto al cyberbullismo, un fenomeno che non conosce confini nazionali e che continua a mietere vittime soprattutto tra le donne, non può essere lasciato a codici di autoregolamentazione dei social network o a misure estemporanee o emotive dei singoli Paesi. Serve, e su questo intendo assumere le dovute iniziative politiche, una Direttiva europea che definisca il fenomeno e fornisca in tempi rapidi a tutti gli Stati membri gli strumenti normativi e finanziari necessari a tutelare la libertà personale dei cittadini in rete”. Lo afferma l’onorevole Barbara Matera (FI), europarlamentare del PPE, componente della Commissione Libe (Libertà Civili) del Parlamento Europeo.

“I risultati dello studio commissionato al Dipartimento europeo delle Politiche per i Diritti dei Cittadini e affari costituzionali dalla Commissione LIBE pubblicato ad agosto scorso – aggiunge l’onorevole Matera – forniscono indicazioni assolutamente preziose”.

“E questo – conclude – vale sia in termini di definizione di un fenomeno complesso e molto diffuso (oltre il 30% delle violenze sono di tipo informatico), quanto in termini di sostegno agli Stati europei per l’attuazione di specifiche misure e di indicazioni ai gestori delle piattaforme social di regole a tutela delle libertà e della privacy dei cittadini ed in particolare dei più giovani e delle donne”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa