Attualita'

Fondi per l’assistenza: contributi dalla Regione anche per l’Area Nolana

Napoli, 19 Aprile – Fondi dalla Regione per gli Ambiti Territoriali che si occupano di assistenza alla popolazione. Il massimo ente campano, guidato dal governatore Vincenzo De Luca, ha predisposto l’altra settimana la liquidazione della somma complessiva di 25.412.926,26 euro in favore degli Ambiti Territoriali, quale importo del Fondo Nazionale Politiche Sociali (FNPS) per l’anno 2015 assegnato per la realizzazione dei Piani di Zona in riferimento al II Piano Sociale Regionale.

Per quanto riguarda strettamente il nostro territorio sono stati dispensati, rispettivamente, 442.403,96 euro per l’Ambito Napoli n. 23, che ha come centro capofila il Comune di Nola (e che comprende anche i paesi di Casamarciano, Carbonara di Nola, San Paolo Bel Sito, Liveri, Saviano, Visciano, Tufino, Roccarainola, Cicciano, Camposano, Comiziano, Scisciano) e 508.389,44 euro per l’Ambito Napoli n. 26, che ha come centro capofila il Comune di San Giuseppe Vesuviano (e che comprende anche i paesi di Palma Campania, Striano, Poggiomarino, Ottaviano, Terzigno).

Il contributo con l’importo più alto è andato invece all’Ambito Salerno n. 1, che ha come centro capofila il Comune di Scafati, con un finanziamento complessivo pari a 1.072.754,05 euro. «Si tratta di liquidazione di somme relative all’enorme debito di oltre 180 milioni di euro, ereditato dalle passate gestioni, dal 2010 ad oggi, che la Regione ha maturato negli anni nei confronti degli Ambiti territoriali, con conseguenti gravi ricadute sui servizi e le persone», precisa l’assessore alle Politiche Sociali, Lucia Fortini. «Questa nuova liquidazione di risorse per le Politiche Sociali punta ad accelerare l’adozione di provvedimenti necessari alla liquidazione di importanti risorse, che consentono agli Ambiti Territoriali di tornare a respirare dopo anni di inerzia burocratica e finanziaria» conclude l’assessore Fortini.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print