Attualit

Flash Fiber e Open Fiber a Napoli e provincia

Napoli, 2 Agosto – Meta Descr “Open Fiber e Flash Fiber: cosa sono e come sta evolvendo la copertura della fibra nel territorio di Napoli e dintorni

 Differenza tra Flash Fiber e Open Fiber: copertura fibra ottica in provincia di Napoli e zone limitrofe

L’attenzione sul tema della copertura della fibra ottica è cresciuta molto negli ultimi mesi, e mentre Open Fiber di Enel avanza inesorabile, anche TIM e Fastweb – unite nel consorzio Flash Fiber – continuano la propria manovra di copertura su tutto il territorio nazionale.

 Qual è la differenza tra Open Fiber e Flash Fiber?

Open è il progetto del governo che ha incaricato Enel per la distribuzione in tutta Italia della fibra, per mantenere come asset del paese una rete fibra ottica efficiente e in grado di ospitare importanti provider come Vodafone, che ha già dichiarato di voler aderire alla struttura Open.

Flash, come abbiamo visto in apertura è invece la rete di TIM (ormai “francesizzata”) e Fastweb: entrambe non vogliono stare a guardare, intendono infatti migliorare e ampliare tutto il lavoro strutturale pregresso e dunque raggiungere quelle zone del paese in cui non c’è ancora una presenza capillare e significativa della Fibra Ottica.

Una sana concorrenza insomma, che non può che far bene ad un paese che ha nell’immobilismo di alcune procedure un problema storico e purtroppo largamente diffuso. Un processo che ci farà presto dire addio alle vecchie e care offerte ADSL per guardare oltre, a connessioni molto più veloci e stabili, dettate da tecnologie avanzate, basate unicamente sulla fibra ottica

 Fibra Ottica in Campania: Napoli, Salerno e dintorni

Nel napoletano la Fibra Ottica di Open Fiber consente agli utenti una navigazione di 1 Gbps (fino a 1 Gigabit al secondo) garantendo così il massimo delle performance. Enel del resto non ha mai nascosto che il territorio di Napoli e dintorni è un obiettivo di grande importanza strategica.

Mentre Open Fiber consolida la sua presenza in Campania, l’azione di Flash Fiber, basata sulla tecnologia FTTH, consentirà la realizzazione da parte di TIM e Fastweb di due diverse offerte di accesso alla rete, completamente autonome e totalmente separate.

Le città che verranno raggiunte da Flash Fiber con la fibra ottica FTTH sono: Torino, Genova, Monza, Bergamo, Brescia, Verona, Trento, Padova, Vicenza, Venezia, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna, Prato, Firenze, Siena, Perugia, Ancona, Roma, Pescara, Napoli, Salerno, Bari, Messina, Reggio Calabria, Catania e Palermo

L’impegno di Flash Fiber è quello di realizzare le infrastrutture per l’erogazione dei servizi in banda ultralarga completando il processo al 37% entro il 2017, al 76% entro il 2018, al 90% nel 2019 e in maniera definitiva nel 2020.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print