Attualità

Festa della Repubblica, perché si festeggia il 2 giugno: celebrazioni a Roma

Il 2 giugno si celebra la Festa della Repubblica, in ricordo del referendum istituzionale che nel 1946 portò alla scelta tra repubblica e monarchia.

 

Napoli, 2 Giugno – La Festa della Repubblica italiana si celebra il 2 giugno perché, proprio tra il 2 e il 3 giugno 1946, si tenne il referendum con cui gli italiani, dopo 85 anni di regno della dinastia dei Savoia (di cui 20 di dittatura fascista, conclusa durante la Seconda Guerra Mondiale), scelsero di far diventare l’Italia una Repubblica costituzionale, abolendo la monarchia.

Una data storica anche per un’altra ragione: per la prima volta furono ammesse al voto anche le donne. Quel giorno è diventato uno spartiacque per la storia del nostro Paese. E ogni anno il 2 giugno si celebra il compleanno della Repubblica.

LE CELEBRAZIONI – Il cerimoniale ufficiale della celebrazione di Roma prevede l’alzabandiera solenne all’Altare della Patria e l’omaggio al Milite Ignoto con la deposizione di una corona d’alloro da parte del presidente della Repubblica alla presenza delle massime cariche dello Stato. Dopo l’esecuzione dell’Inno di Mameli, le Frecce Tricolori attraversano i cieli di Roma.

Poi la parata militare lungo via dei Fori Imperiali, cui prendono parte tutte le forze armate italiane, tutte le forze di polizia della Repubblica, il Corpo nazionale dei vigili del fuoco, la Protezione Civile e la Croce Rossa Italiana. La parata militare fu inserita per la prima volta nel protocollo delle celebrazioni ufficiali nel 1950.

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *