Comuni

FATE SOLO RIDERE!

Pozzuoli, 12 Dicembre – Sono circa le due del pomeriggio: mi trovo a bordo di un convoglio della metropolitana linea 2, gremito come non mai, dal momento che si è deciso di cancellare diverse corse in direzione Pozzuoli, oramai ridotta, insieme con gli altri comuni dell’Area Flegrea, al rango di territorio di “Serie B” ad opera dei nostri Amministratori Regionali.
La quasi totalità dei passeggeri presenti in carrozza reca in mano quell’ “amico fidato” dal quale chiunque, al giorno d’oggi, non può certamente fare a meno: mi riferisco allo smartphone – la cui utilità non intendo porre in dubbio -, oramai divenuto strumento principale di quella che diversi studiosi sogliono definire, ironicamente, la “democrazia del web” (che di “democratico”, in realtà, non ha alcunché!).
Proprio con l’ausilio del mio dispositivo mobile, ho dato un’occhiata alle versioni digitali dei quotidiani di oggi ed ai commenti dei lettori in merito a taluni eventi ivi descritti, tra cui la tanto discussa questione delle luminarie natalizie nel territorio comunale di Pozzuoli: da giorni, infatti, diversi cittadini Puteolani si dolgono -specie mediante la pubblicazione di posts sui social – del fatto che quest’anno si sia deciso di operare qualche piccolo taglio delle risorse da destinare agli addobbi, scrivendo slogan ed apprezzamenti poco lusinghieri ad indirizzo dell’incolpevole Sindaco.
L’arte luminaria è indubbiamente d’ausilio alla crescita di un comune sotto il profilo dell’immagine; ma è altrettanto vero, cari Lettori, che la  diversi Cittadini è interessata a seminar zizzania contro chi, pur essendosi finora rivelato un eccellente amministratore, non agisce in conformità ai loro comodi. Ed hanno anche il coraggio di invocarne, a gran voce, le dimissioni, dimenticando in un battibaleno gli ottimi risultati raggiunti dall’Amministrazione tuttora in carica!
Cari Lettori, a questo punto desidero porre a ciascuno di voi un quesito: se Tizio, impiegato ligio al dovere, desiderasse acquistare un tablet all’avanguardia ma non avesse a disposizione, in quel momento, il denaro necessario per comperarlo……cosa farebbe? Dò per scontato che la risposta sia già nota ad ognuno, precisando che anche le politiche di un ente locale sono frutto di scelte che occorre compiere per il benessere dei Cittadini e la salvaguardia del patrimonio territoriale: il denaro a disposizione del Comune non è illimitato, ed i problemi veri cui bisogna far fronte con assoluta urgenza…..sono ben altri: politiche attive del lavoro, manutenzione delle strade cittadine, igiene urbana, et cetera. 
A conclusione di quest’analisi desidero mettere in guardia ogni Lettore da futili puntigli: sovente accade, infatti, che questi ultimi si dimostrano foriere di odio, violenza e qualunquismo, vizi da ritenersi senz’altro dei parassiti per la nostra società. 
Adriano Spagnuolo Vigorita 
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print