Comuni

Disastro ambientale San Vitaliano, Ambiente S.p.A: “Ricostruiremo un’azienda ancora più innovativa e sostenibile ”

San Vitaliano, 3 Luglio – Dopo la visita del Ministro Costa dove ha parlato di un “incendio significativo e l’area non è sotto sequestro in quanto si proceda per la bonifica. I sindaci si sono mossi con rapidità, anche con un decalogo su come comportarsi”.

Cosi la Regione Campania con Fulvio Bonavitacola, vicepresidente della Giunta regionale e titolare della delega all’Ambiente, ha predisposto nell’immediato “laboratori mobili dell’Arpac  per monitorare la qualità dell’aria, già attivi, ed ha chiesto di programmare, per eccesso di scrupolo, controlli sulle produzioni delle coltivazioni per dare un quadro quanto più attendibile possibile, controlli attualmente in corso“.

La società Ambiente Spa, in una nota stampa “ringrazia pubblicamente tutti i propri dipendenti che si sono prodigati senza risparmiarsi per collaborare allo spegnimento delle fiamme,  i Vigili del Fuoco e tutte le Forze dell’Ordine, che con altissima professionalità e grande spirito di sacrificio, hanno affrontato e contribuito a risolvere la questione”.

“Si ritiene, inoltre, – aggiunge l’amministratore unico ing. Bruno Rossi – opportuno evidenziare che le analisi svolte dall’Arpac, e rese pubbliche sul sito dell’Agenzia, escludono la presenza di rischi per la salute della popolazione. I rilievi effettuati dall’Arpac, per il monitoraggio della qualità dell’aria, hanno escluso il superamento dei limiti di concentrazione degli inquinanti”

“La società Ambiente S.p.A., che ha sempre perseguito l’obiettivo di svolgere la propria attività nel rispetto delle norme, della salute della popolazione e delle maestranze, si è immediatamente impegnata nella messa in sicurezza del sito e nell’attivazione di tutte le procedure e degli strumenti utili a contenere ed eliminare ogni tipo di disagio ambientale. Si coglie l’occasione anche per chiarire che l’Ambiente Spa non è un centro di raccolta di ecoballe, ma è una piattaforma di raccolta e trattamento di rifiuti, provenienti dalla raccolta differenziata svolta presso numerosi Comuni, nonché azienda riconosciuta da tutti i consorzi di filiera aderenti al CONAI”, si legge ancora nel comunicato stampa.

“Siamo i primi ad aver subito un danno straordinario, ma non ci sentiamo messi in ginocchio, siamo abituati a lavorare duro per ottenere grandi risultati, ci vorrà tempo e sudore, ma a tutti vogliamo dire che la nostra avventura non si ferma qui, anzi, con rinnovata motivazione e determinazione, ricostruiremo un’azienda ancora più innovativa e sostenibile per il nostro territorio e per tutti i nostri lavoratori che ancora adesso ringraziamo con tutto il cuore”, conclude l’ing. Rossi.

Nel frattempo a San Vitaliano succede anche questo: è stato affisso un volantino sui muri del paese. Nel messaggio anonimo si parla di presunti  “rapporti d’affari degli imprenditori di Marigliano con Cipriano Chianese”, l’avvocato di Parete nonché imprenditore dei rifiuti condannato a 20 anni di reclusione per disastro ambientale. Nello stesso messaggio viene inoltre rivolto un appello alla magistratura affinché “ faccia chiarezza sui patrimoni accumulati dai Bruscino e sulla loro origine”.

image_pdfimage_print

Collaboratore freelance, convinto assertore del giornalismo moderno, fatto di social, notizie in tempo reale attraverso i più svariati mezzi di comunicazione attualmente in circolazione ed in continua evoluzione. Adoro il mare, amo viaggiare e scrivere: la cultura è la risposta alla vita quotidiana.