Comuni

Disagi anche in pieno centro di Napoli a causa dei ritardi nella raccolta dei rifiuti, turisti tra la spazzatura a rampe Paggeria. In via Tarsia i writer inventano “i rifiuti creativi”

Verdi: “Il nostro monitoraggio prosegue, decine di segnalazioni sulla nostra pagina. Occorre tornare alla normalità entro pochi giorni, le Universiadi sono dietro l’angolo. Stop ad atti di vandalismo e inciviltà”

 

Napoli, 21 Giugno – “I disagi legati ai ritardi nella raccolta dei rifiuti sono arrivati anche nel centro di Napoli. Le rampe Paggeria, a due passi da piazza Plebiscito, sono piene di spazzatura. I turisti sono costretti a fare lo slalom tra i rifiuti. Tale situazione è comune a tante altre zone del centro. In via Tarsia i writer hanno inventato i ‘rifiuti creativi’, iniziando a dipingere materassi, creando dei messaggi di speranza. Un’iniziativa che mostra la voglia dei cittadini di emanciparsi da questa condizione di disagio che riporta alla mente uno dei periodi più bui della storia recente di Napoli”.

Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il portavoce del Sole che Ride in Campania Vincenzo Peretti. “Il nostro monitoraggio prosegue, anche grazie alle decine di segnalazioni che stanno pervenendo alla pagina Facebook dei Verdi. Il nostro impegno nelle sedi istituzionali è costante, il nostro obiettivo è riportare la situazione alla normalità a Napoli e provincia. La città, tra l’altro, è prossima ad ospitare le Universiadi. Al di là del disagio vissuto dai cittadini c’è un potenziale danno di immagine che la città non può assolutamente permettersi dopo tutto l’impegno profuso per organizzare al meglio la manifestazione. In ogni caso restano intollerabili gli atti di teppismo e inciviltà che si sono verificati nelle ultime ore. Riteniamo ingiustificabile, ad esempio, quanto avvenuto a Pianura dove, nei pressi della biblioteca, degli incivili hanno riversato i rifiuti sulla sede stradale”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print