Comunicati

Da Nola a Brno (Rep.Ceca), Magistrati e Avvocati per “Progettare una comune tutela delle famiglie”

Nola, 2 Maggio – Il 5 maggio 2017, dalle ore 10 alle 16.30, a Brno (Repubblica Ceca) si terrà presso la Camera Nazionale Forense Namesti Suododi – CAK Brno – Kleinův palace, un interessante incontro di studio finalizzato al

Confronto sulla normativa in materia di famiglia in Repubblica Ceca ed in Italia

con la finalità di

“PROGETTARE UNA COMUNE TUTELA DELLE FAMIGLIE

            L’evento internazionale è stato organizzato dalle autorità cecoslovacche, Mesto Brno, Ustavni Soud Brno, Camera Forense Ceca (Ceska Advokatni Komora), Università Masarikova di Brno e italiane, Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Nola, Presidenza del Tribunale di Nola, Istituto Italiano di Cultura, Università Parthenope, con il patrocinio dell’Ambasciata d’Italia in Repubblica Ceca e in collaborazione con la Fondazione Forense di Nola – Scuola Bruniana.

            «Un importante incontro di studio e di confronto europeo in uno Stato che ringraziamo per l’ospitalità e la volontà di misurarsi con altri ordinamenti come il nostro, su temi sensibili come il diritto di famiglia, con tutti i riflessi di ordine sociale», dichiara il Presidente del Consiglio Forense di Nola, Avv. Francesco Urraro, «sarà l’occasione per un’analisi dell’esperienza italiana sotto il profilo della fisiologia e della patologia anche giudiziaria dei rapporti familiari e dei minori».

 

            «Ritengo che il congresso di Brno sia una necessaria occasione di conoscenza e comprensione reciproca tra due ordinamenti che si sono rapportati in modo differente e talvolta opposto riguardo alla famiglia» afferma l’Avv. Karim Ponticelli del Foro di Nola «Se per un verso il nostro legislatore ha posto al centro della normativa la tutela del soggetto debole ed in particolare del minore, tracciando una idea di famiglia paradigmatica ed ideale, il legislatore ceco vuole regolare la famiglia reale, con le sue piaghe e le sue imperfezioni, ma così facendo dimentica per strada la tutela delle parti deboli. Ecco che quindi il congresso di Maggio può essere un duplice spunto: di ‘laicizzazione’ e modernizzazione del nostro sistema, e di maggior ‘protezione e tutela’ del sistema ceco».

 

Il programma prevede, dopo i saluti di:

– JUDr Martin Vychopen – Presidente Camera Nazionale Forense

– Avv. Francesco Urraro – Presidente Consiglio Ordine Avvocati di Nola

– S. E. Dott. Aldo Amati – Ambasciatore italiano in Repubblica Ceca

tre momenti tematici di approfondimento del tema oggetto del convegno:

 

La fase fisiologica della famiglia

– Prof. JUDr. Josef Fiala – Giudice Costituzionale, Prof. ordinario di Diritto Civile presso Universita’ Masarikova di Brno – La tutela del coniuge debole e della prole nel dibattito legislativo ceco

– Prof. Avv. Ugo Grassi – Direttore Dipartimento Giurisprudenza ed Ordinario di Diritto Civile presso l’Università Parthenope di Napoli La disciplina dei patti successori nel dibattito dottrinale italiano, riflessioni alla luce dell’ordinamento giuridico ceco

Mgr. Michal Zahnas La disciplina del matrimonio  nel z.č. 89/2012 Sb.

Avv. Giuseppina Manfredi Consigliera Distrettuale Disciplina di Napoli – La tutela della prole nell’ordinamento giuridico italiano

 

La fase patologica della famiglia

– JUDr. Et PhDr. Stanislav Balik – Giudice Costituzionale ed ex Presidente CAKLa disciplina del divorzio nell’ordinamento e nella prassi processuale ceca

– Dr.ssa Vincenza Barbalucca – Giudice I sez.civ. Tribunale di Nola – La cessazione del rapporto coniugale nella prassi processuale italiana

 

Le nuove forme di famiglia

– JUDr. Irena Schejbalova – Direttrice CAK BrnoIl ‘registrovani partnerstvi’ ai  sensi del z. č. 115/2006 Sb.

Dr.ssa Sabrina Serrelli – Giudice I sez. civ. Tribunale di Nola  – La ‘convivenza di fatto’ ai sensi della L. 76/2016

– JUDr. Petr Polednik – Vicepresidente CAK

 

Le conclusioni sono affidate all’Avv. Karim Ponticelli del Foro di Nola

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa