Comuni

Cusano Mutri, Tangenti post-alluvione: arrestati sindaco e geometra

Cusano Mutri, 28 Giugno – Dopo aver preso visione di un video in cui un imprenditore è stato costretto a versare a un geometra una tangente, la Procura della Repubblica di Benevento, dopo alcune indagini, ha dato disposizione di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti del sindaco di Cusano Mutri, Giuseppe Maturo e del geometra comunale (presunto protagonista del materiale video) Remo Di Muzio, ritenuti responsabili di concorso in concussione.

Nell’indagine, rientrano inoltre come indagati il capo Ufficio Tecnico del Comune di Cusano Mutri e un consigliere comunale sempre dello stesso paese. L’oggetto delle indagini, avviate nell’aprile 2017 per una denuncia di un imprenditore edile che lamentava una rete concussoria messa in auge dal sindaco, è l’affidamento illecito di lavori post alluvione che colpì il Sannio nell’ottobre 2015. Per l’assegnazione degli stessi, gli indagati avrebbero percepito tangenti, nello specifico per due interventi che riguardavano la sistemazione della fognatura lungo il torrente Titerno, per un importo di 22mila euro e la sistemazione dell’alveo dello stesso corso, in località Limata, per una cifra intorno ai 13mila euro.

L’imprenditore denunciante, inoltre, ha riferito dei continui rimproveri di Maturo per non aver impiegato nei lavori concessi in appalto alcune persone o ditte direttamente segnalategli e, come se non bastasse, gli avrebbe imposto di eseguire gratuitamente il terrazzamento nel terreno di proprietà della moglie. Nella ricerca di altri membri della rete concussoria, le indagini sono ancora in corso.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print