Cronaca

Cusano Mutri, inchiesta tangenti:sindaco e geometra respingono accuse

Benevento, 3 Luglio –  Davanti al GIP del tribunale di Benevento, si è presentato ieri 2 luglio, come da programma, il sindaco di Cusano Mutri Giuseppe Maturo, finito ai domiciliari nei giorni scorsi con l’accusa di concussione in associazione con il geometra comunale Remo Di Muzio.

Il sindaco, difeso dagli avvocati Barbieri e Severino, ha cercato di chiarire la sua posizione dichiarandosi estraneo alla vicenda, respingendo ogni accusa contro la sua persona. I legali inoltre, al giudice delle indagini preliminari Gelsomina Palmieri, hanno chiesto l’attenuazione della misura cautelare ai domiciliari, in vista del responso che dovrà dare in merito nelle prossime ore il GIP di Benevento.

Lo stesso giorno si è presentato dinnanzi ai giudici anche il geometra comunale Remo Di Muzio, difeso dai legali Massarelli e Pastore i quali, come i legali di Maturo, hanno chiesto l’attenuazione della misura cautelare. Maturo, inoltre, alla visione del video, ha definito il protagonista del suddetto (Di Muzio), non un suo “uomo di fiducia”, aggiungendo che il geometra non ha avuto unicamente un rapporto professionale circoscritto al comune di Cusano Mutri, ma abbia lavorato anche con altre identità locali.

Dal canto suo, il geometra Remo Di Muzio, alla richiesta di spiegazioni inerenti alla famosa mazzetta nel video, ha spiegato che non si trattava né di una mazzetta né di una tangente, ma semplicemente di un compenso per dei lavori svolti in precedenza non pagati. Le indagini sono ancora in corso, nell’attesa che il Dott. Palmieri si esprima.

image_pdfimage_print

Grande passione per la politica, vicino all’attualità, cerco sempre di offrire al lettore un prodotto quanto più oggettivo possibile e nella forma migliore. L’informazione prima di tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *