Attualità

COMPITINO DI REALTÀ…

Napoli, 25 Luglio –  Svolgimento: Si parla sempre più spesso di sviluppo sostenibile, ma di cosa si tratta? Sviluppo sostenibile vuol dire imparare a vivere nei limiti di un solo pianeta; è la capacità della nostra specie di riuscire a vivere, in maniera dignitosa ed equa per tutti, senza distruggere i sistemi naturali da cui traiamo le risorse per vivere e senza oltrepassare le loro capacità di assorbire gli scarti e i rifiuti dovuti alle nostre attività produttive.

Per ottenere uno sviluppo delle società umane che sia sostenibile è necessario che: l’intervento umano sia limitato entro le capacità di carico dei sistemi naturali conservandone la loro vitalità e la loro resilienza;

il progresso tecnologico per la produzione di beni e servizi venga indirizzato all’incremento dell’efficienza piuttosto che all’incremento del flusso di energia e materie prime;

i livelli di prelievo delle risorse non rinnovabili ecceda le loro capacità rigenerative;

l’emissione di scarti e rifiuti (solidi, liquidi e gassosi) dovuti al metabolismo dei sistemi sociali non ecceda la capacità di assimilazione dei sistemi naturali.

Uno sviluppo che risponda alle esigenze del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare le proprie. Ognuno di noi si trasformi in architetto e disegni la propria città o quartiere così come crede debba essere per essere davvero “sostenibile”.

Ad esempio: Cosa manca, fra gli elementi che ritieni importanti, nella città o quartiere che vorresti?  Ci sono abbastanza parchi e giardini? Ci sono piste ciclabili? E gli edifici, quali caratteristiche vorresti che avessero?

#NonCapiscoNullaDiNulla

image_pdfimage_print

“Architetto e docente di Tecnologia, vive a Mariglianella, presidente dell’associazione “A.L.T. (Ambiente–Legalità- Territorio) La Fenice”, attivista da anni, impegnato in battaglie sociali, ambientali e politiche a tutela dei cittadini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *