Cultura

Compie 70 anni Vienna Cammarota la guida che sta percorrendo il mondo

Cammarota: “Non mi fermo. Ora in Cina con un anno di cammino per arrivare a piedi a Pechino sulla Via della Seta”.

 

 

Napoli, 10 Settembre – “Ora la Cina, partenza ad Aprile da Venezia ed a piedi fino a Pechino per raccontare le novità, i nuovi mondi, la trasformazione. Sarò sulla Via della Seta per ricordare Marco Polo ma anche per abbracciare tutti i popoli che incontrerò lungo il percorso”. Lo ha affermato Vienna Cammarota, Guida Ambientale Escursionistica, passata alla storia per essere stata l’unica donna al mondo a rifare a piedi il viaggio compiuto dallo scrittore tedesco Wolfgang Goethe nel 1786, durato 2 anni. Ben 30 anni dopo Goethe pubblicherà il suo “Viaggio in Italia” dando vita al Gran Tour che vide protagonista proprio l’Italia. Oggi la guida cilentana, Vienna Cammarota, di Felitto e nata esattamente l’8 Settembre del 1949, ha festeggiato i suoi 70 anni con l’affetto dei fans.

Vienna ha percorso a piedi il Tibet, l’Amazzonia, il Madagascar ma anche Israele e Palestina. Una vera ambasciatrice dei territori, del Pianeta Terra e della Pace. “Io sono nata qualche anno dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale – ha proseguito Cammarota – ma ho vissuto quell’Italia che allora si stava risollevando dalle macerie. L’Italia così come l’Europa che nei fatti non esisteva ancora ed alla cui fondazione proprio noi italiani abbiamo dato un grande contributo. Ho sempre pensato che il cammino potesse unire popoli diversi. Per me è stato sempre importante entrare nelle piazze, nei bar e parlare, dialogare, con la prima persona che fosse un anziano o un giovane, un italiano o uno straniero. Nell’ultima avventura, quando partendo dai Monti Lattari, ho voluto attraversare tutti i borghi fino al raggiungimento della parte interna della Basilicata, ho voluto portare con me la nostra Bandiera, dell’Italia. Lo farò anche lungo tutto il mio cammino verso Pechino che durerà ben un anno. Partirò a 70 anni compiuti da un pezzo ed arriverò a Pechino quando di anni ne avrò 71. Voglio vedere, documentare, raccontare. Nel 2017 sono partita da Karlovy Vary, Repubblica Ceca ed ho attraversato a Piedi, la Boemia, la Baviera in Germania, e via, via poi l’Austria e tutta l’Italia. Ho riscritto i sentieri, elaborato un diario giornaliero con tutti gli incontri ed i dialoghi. Goethe in Sicilia non visitò i Templi di Selinunte ma magari oggi lo farebbe. Dunque dopo Napoli e Paestum ho proseguito per la Sicilia attraversandola tutta a piedi. Poi Messina e la fine del viaggio con il ritorno in Campania così come fece Vienna”.

Nel 2016, Vienna unì il territorio del Parco Nazionale del Cilento a quello del Gargano, con un cammino a piedi grazie al quale attraversò l’Irpinia e tutti i borghi, fermandosi a Manfredonia e rendendo omaggio anche a San Pio a San Giovanni Rotondo.

“Fu una grande emozione – ha ricordato Cammarota– perché la gente mi aspettava all’ingresso del paese, al balcone. In tanti mi hanno offerto accoglienza, ospitalità ed anche in Conventi lo hanno fatto. Qualche volta ho dormito per terra. Ho voluto vivere più vite ed esperienze diverse per unire pensieri e genti diverse. Ho voluto visitare l’Irpinia ferita dal 1980 in Campania ma ho fatto ugualmente a Gibellina, nella Valle del Belice, in Sicilia”. Poi nell’Agosto del 2017 l’inizio del grande cammino dalla Repubblica Ceca fino alla profonda Sicilia, dove Vienna arrivò nel Giugno del 2018.

“Lungo il cammino ho pensato all’Italia Centrale – ha dichiarato ancora Vienna Cammarota – afflitta e ferita ma forte, coraggiosa e pronta a ricominciare subito. Che gente meravigliosa ho incontrato lungo migliaia di chilometri percorsi a piedi. I momenti di sconforto non sono mancati come quando dovevo imboccare gallerie senza luce. Ovviamente rispetto all’epoca di Goethe alcuni sentieri non esistono più ed in parte è cambiato anche il paesaggio naturalistico”.

Vienna è stata accolta da decine e decine di sindaci, trionfali le accoglienze a Civitella Alfedena in Abruzzo ma anche a Napoli, ed ancora a Paestum, ma anche dalla straordinaria classe intellettuale femminile in Sicilia guidata dalla contessa Chiara Modica Donà Delle Rose a Palermo e Patrizia Valeria Li Vigni, ai padiglioni della BIAS, Biennale Internazionale di Arte Sacra ed ancora alla Casa di Goethe a Roma, all’Istituto Goethe a Napoli, ma anche da dirigenti di Museo e Palazzi antichi in varie regioni italiane. Vienna ha attraversato il Trentino, il Tirolo, Veneto, Emilia – Romagna, Umbria, Toscana, Lazio, Abruzzo, Campania, Sicilia. Tutto a piedi ed è stata accolta anche nelle scuole. Infatti alcuni studenti hanno voluto trasformare il viaggio di Vienna Cammarota in progetto didattico multimediale. E’ accaduto ad esempio in Sicilia, esattamente presso l’Istituto Marconi di Licata.

La “Marco Polo del 2000” come è stata già ribattezzata dalla stampa, nel corso soltanto degli ultimi 3 anni ha percorso a piedi più di 3000 Km. La settantenne cilentana è determinata a non fermarsi e ad Aprile del 2020 partirà per Pechino dove arriverà non prima della Primavera del 2021.

A fine Ottobre scorso, Vienna ha incrociato in Abruzzo Marco Saverio Loperfido l’altra Guida Ambientale Escursionistica che partito da CHIA ha percorso con la moglie Marina Vincenti ed il cane Bricco, ben 2350 Km fino al Parlamento Europeo, consegnando le istanze raccolte lungo il cammino. Oggi quel viaggio è diventato un libro di grande successo. A Vienna stanno giungendo auguri da qualsiasi angolo del Mondo.

GIUSEPPE RAGOSTA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa