Cronaca

Cercola, racket e usura: carabinieri arrestano due fiancheggiatori del clan De Luca Bossa

Cercola, 29 Dicembre – I carabinieri del Comando Tenenza di Cercola hanno arrestato due persone ritenute responsabili di concorso in usura aggravata ed estorsione aggravata dal metodo mafioso.

A finire in manette – in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Napoli su richiesta della DDA partenopea – due fiancheggiatori del clan “De Luca Bossa”. Il provvedimento giunge a conclusione di un’indagine condotta dai Carabinieri e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli.

I due uomini – un 46enne e un 41enne entrambi di Cercola – sono stati denunciati da alcuni commercianti per aver estorto loro somme di denaro a tassi usurari annuali compresi tra il 50 e il 720%. Le richieste di restituzione del denaro, effettuate avvalendosi della forza intimidatrice del clan suddetto, erano pressanti e accompagnate da esplicite minacce di morte.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, i due imponevano alle vittime il pagamento di quote usurarie spropositate e immotivate. In uno degli scenari denunciati, un commerciante era stato costretto – da un prestito iniziale di 3mila euro – a raggiungere in poco più di un anno la somma di 70mila. Il 46enne è stato tradotto al carcere di Secondigliano. L’altro arrestato è attualmente piantonato in un ospedale napoletano dove era già ricoverato.



Scisciano Notizie crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, Scisciano Notizie correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online e Scisciano Notizie ritiene che l'accuratezza sia ugualmente essenziale; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a redazione@sciscianonotizie.it

Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa