Comuni

Casoria, Violenta rissa in piazza Cirillo: violenti si fronteggiano a colpi di mazza

Borrelli e Simioli: “Escalation di violenza, preoccupa la disinvoltura con cui un individuo si arma di mazza in una pubblica piazza. La polizia locale è al lavoro per identificare i protagonisti, speriamo possano essere duramente sanzionati”

 

Napoli, 4 Novembre – “Il video della violentissima rissa in piazza Cirillo a Casoria rappresenta in maniera calzante l’escalation di violenza e sopraffazione che sta investendo i nostri territori. Episodi del genere sono all’ordine del giorno. Stavolta è accaduto nel comune dell’hinterland napoletano dove i protagonisti si sono fronteggiati a colpi di mazza. Occorre riflettere su quanto la violenza sia normalizzata. Preoccupa la disinvoltura con cui un individuo si arma di bastone in una pubblica piazza per malmenare il prossimo. Dinanzi a fatti del genere occorre una presa di coscienza delle proporzioni del problema che va al di là delle dinamiche criminali ordinarie. Ci sono persone che sono pronte a scatenarsi per un nonnulla, ed è preoccupante che episodi come quello di piazza Cirillo si verifichino in un clima di relativa tranquillità per i violenti, che non si fanno scrupolo di dare sfogo alle loro pulsioni dinanzi a tutti”.

Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli. “La polizia locale di Casoria – proseguono Borrelli e Simioli – è al lavoro per identificare i protagonisti della rissa.  Il sindaco Raffaele Bene e l’assessore competente sono stati alla locale Caserma dei Carabinieri per discutere di quanto accaduto. Speriamo che i responsabili possano essere duramente sanzionati. E auspichiamo che il ministero dell’Interno invii al più presto dei rinforzi per aumentare la presenza sul territorio delle forze dell’ordine”.

 

https://www.facebook.com/francescoemilio.borrelli/videos/536888793741567/?v=536888793741567

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa