Magazine

Caserta, “Cante cunte filastrocche e tammurriate” con i Napoliextracomunitaria

Caserta, 22 Settembre – Nell’ambito delle serate musicali organizzate al Mantovanellive Caserta in  Via Tanucci, 35 – Caserta, sabato 23 Settembre p.v. start ore 21,00 free entry (consumazione obbligatoria)  a seguire ore 22,00 concerto dei Napoliextracomunitaria..

Napoliextracomunitaria  gruppo di folk contemporaneo, suona musica che si ispira a quella tradizionale della Campania rielaborandone i contenuti in una chiave di lettura più attuale, usando un linguaggio “popolare” (il dialetto) dall’inequivocabile e immediato potere comunicativo.

Attivi concertisticamente dal 1995, il gruppo nel corso degli anni ha raccolto continue affermazioni in importanti festival in Italia e all’estero come nel caso delle partecipazioni a: “Festival Euromediterranea (BZ), Festival Internazionale “Projekt Natur“ Vienna; riscuotendo successi di pubblico e di critica con la loro partecipazione  nelle varie edizioni del Festival “ Xong” (Malles – Val Venosta) THON. DOC. PROJECT. 4° Transnational  Meeting – Dep. Etudes Univ. Sapienza Roma- Dir. Gen. Junta ANDALUSIA– Ventotene; le “Lezioni-concerti”all’interno delle Università di Urbino e Roma “La Sapienza” oltre a partecipazioni a diversi festival e feste in lungo ed in largo il territorio nazionale.

I NapoliExtraComunitaria  raccontano storie legate al loro vissuto, alle loro origini, al loro contesto sociale, brani tradizionali quali fronne, canti ‘a carrettiere, canti a figliola, tammurriate, per non smarrire le “nostre radici, la nostra storia” ; ed un omaggio alla “Neapolitan Power” (letteralmente: energia napoletana), di James Senese, Franco Del Prete  e Pino Daniele con i brani “Saglie, Ce sta’ chi nce penza e ‘A Gente ‘e Bucciano”  che appartengono ad un nuovo progetto sulle sonorità del mediterraneo e sulla contaminazione”

La musica, il mondo della tradizione con  l’attualità del presente e,  muovendo dalla consapevolezza degli idiomi  tradizionali e  dal rispetto del loro significato culturale, vengono rispettati negli arrangiamenti che cha curato Carmine  Terracciano; dal punto di vista musicale vi è un costante riferimento ai ritmi (della tammurriata, della tarantella) e agli strumenti (tammorra, tamburello,) di  origine popolare, sapientemente commisti a ritmi e strumenti (basso elettrico, batteria, tastiere) che provengono invece da altre culture o che rimandano ad altri stili .

Il loro percorso dunque è quello di inserirsi – senza uscirne – nel solco della tradizione mutuandone il linguaggio e, rinnovandolo, ampliandone il potenziale espressivo.

Protagonisti saranno: Antonella Quaranta e Rodolfo Fornario voci narranti –  Lucio Catavèro, basso, voce – Antonio De Falco, chitarra – Raffaele Del Prete, batteria – Lorenzo De Michele, tastiere – Francesco Di Maio, sassofono –Pasquale Terracciano, voce, tammorre, strumenti popolari.

Napoli_Extra_Comunitaria_012.jpg

Info e prenotazioni: Mantovanellive Caserta   Via Tanucci, 35  –  Caserta

davidemantovanelli@hotmail.it   –   cell. +39 3282664838   –  334 8745053

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print