Comuni

Casamarciano, straordinario successo per l’Aperifestival che ha aperto gli “Scenari” della prestigiosa kermesse teatrale

Casamarciano, 30 Luglio – Metti una sera a teatro e poi un’altra e un’altra ancora. Casamarciano è una ridente località vicino Nola, 75 metri sul livello del mare, che conta all’incirca 3.360 abitanti.

Con “Aperifestival”, si sono conclusi alla grande i sette spettacoli itineranti nei comuni viciniori del nolano: Visciano, Quadrelle, Carbonara di Nola, San Gennaro Vesuviano, Casamarciano, San Felice a Cancello, per l’ottava edizione di “Scenari Casamarciano”, il festival nazionale di teatro che si svolge da diversi anni sul territorio. Quest’anno l’ottava edizione della kermesse, nata dalla collaborazione dei Comuni, ha avuto il meritevole finanziamento dalla Regione per l’esito positivo raggiunto nelle varie edizioni.

Nella città di Casamarciano, nella suggestiva location del Chiostro del Complesso della Chiesa di Santa Maria del Plesco, nella penultima serata estiva di “Giornate di commedia Annibale Serzale, conte di Casamarciano” la messa in scena di “Tatamaccarone” della compagnia teatrale “Voci e suoni della memoria” con la regia di Giovanni D’Angelo autore dei testi e delle originali musiche, ha visto entusiasti i circa 400 presenti, nonostante fosse la giornata dei festeggiamenti di Sant’Anna. Una serata piacevolissima all’insegna della commedia dell’arte.

I bravissimi commedianti: Paola Matafora, Nunzio Della Marca, Alfonso Giorno, Simonetta D’Angeli, Anna Perna hanno interpretato i vari personaggi raccontando il regno di Re Ferdinando IV di Napoli, detto il re Lazzarone nonché il re Nasone e la moglie, regina Maria Carolina D’Austria con al seguito la vita di corte. Con destrezza di cambio di costumi sullo scenario, tra canti, balli, suoni e recitazione i valenti e abili artisti hanno saputo dare un quadro della vita e personalità dei regnanti infedeli: ripugnante re Ferdinando; capricciosa, lunatica, autoritaria e dura, inclina al tradimento quanto il consorte che sebbene ne fosse a conoscenza l’amava. Tutto questo tra fragorose risate.

Il sindaco di Casamarciano, l’avvocato Andrea Manzi, a fine serata commosso ed infervorato dalla folta presenza di pubblico ha fatto i suoi calorosi ringraziamenti  dando  spazio agli assessori Angela Piscitelli e Carmela De Stefano, l’elogio è andato  alle giovani   dello staff, a Autilia Napolitano, bellissima e dolce presentatrice, a Severino ed Antonio,  al portentoso direttore artistico Antonello Di Martino, alla professionalità di Teresa Cimminiello e a quanti si prodigano per la riuscita  del progetto: «Si lavora con passione ed entusiasmo supportandoci a vicenda per il bene comune del  nostro paese». Manzi ha poi parlato delle novità che accompagnano la seconda fase del progetto, in programma nella prima decade (dall’uno al nove) di settembre: «Gli spettacoli hanno l’obiettivo di valorizzare le tradizioni e le radici del territorio, offrire a Casamarciano una nuova luce, renderla migliore, fortificare i suoi cittadini, figli della nostra terra, oggi per il domani».

 Spettacoli di grande spessore, che vedranno in scena Milena Vukotic, attrice impegnata di recente nella famosa serie televisiva di Un medico in famiglia, Maximilian Nisi, vero e proprio talento artistico, versatile, eclettico, oltre che Peppe Servillo, Lara Sansone – attrice e regista napoletana, nipote della celebre Luisa Conte (dirige il teatro Sannazaro da oltre vent’anni) – e tanti altri, con la direzione artistica del critico teatrale Giulio Baffi, neopresidente dell’Accademia delle Belle Arti di Napoli. Tutti, sicuramente, daranno ancora un’impronta eccellente al festival di quest’anno. Non resta che aspettare settembre e non perdere le nuove serate all’insegna della bellezza architettonica, paesaggistica e, della cultura teatrale. E, allora, viva Casamarciano, che sia sempre da esempio per tutti i Comuni che vogliono intraprendere tale progetto.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa