Politica

Capri, richiesta di denaro extra ad un giovane disabile per fornire la carrozzina pagata dall’Asl

Verdi: “Abbiamo deciso di presentare un’interrogazione alla Giunta. Ci adopereremo per far sì che la convenzione sia revocata”

 

Capri, 16 Aprile – “Abbiamo deciso di presentare un’interrogazione alla Giunta sul caso evidenziato dalla trasmissione “Le Iene” sul giovane disabile di Capri che, per ottenere una carrozzina regolarmente finanziata dall’Asl, si è visto chiedere da un’ortopedica napoletana 4500 euro in più rispetto al prezzo al pubblico”.

Lo annuncia il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Sanit Francesco Emilio Borrelli. “Tentare di ottenere un lucro aggiuntivo a fronte di un prezzo di listino già corrisposto dall’Asl è una condotta assolutamente inconciliabile con un regime di convenzione oltre che un atteggiamento profondamente disonesto nei confronti dell’ente e nei confronti dello stesso disabile. Per questa ragione ci adopereremo presso l’Asl per verificare se ricorrano gli estremi per procedere alla revoca”.

“Continueremo a vigilare su questi casi – prosegue Borrelli -. Le prestazioni in convenzione sono regolamentate dalla legge e vengono erogate a fronte di un accertamento medico. Per tale ragione non è ipotizzabile che le aziende richiedano delle prestazioni economiche extra agli aventi diritto in maniera assolutamente illegittima”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print