Politica

Campania, Vaccaro (M5S): “Grazie al nostro Governo al Sud andrà il 34% della spesa ordinaria”

Il senatore: “Metteremo fine alla sperequazione con le aree più sviluppate”

 

Napoli, 18 Settembre – “La proposta del ministro Barbara Lezzi, da inserire nella legge di bilancio, di destinare il 34% della spesa ordinaria al Sud è la naturale evoluzione di un principio logico, che da anni il M5S prova a far valere, avendo il Sud il 34% della popolazione del paese. Ed è paradossale che negli ultimi anni la quota ordinaria sia stata colpevolmente abbassata, con l’inevitabile ricorso a fondi strutturali che, invece, avrebbero dovuto essere addizionali, ovvero aggiuntivi, oltre che finalizzati all’obiettivo convergenza fra Sud e aree più sviluppate del Paese. Le risorse ordinarie di spesa in conto capitale destinate alle aree del Mezzogiorno nel triennio 2013-2015, infatti, hanno rappresentato appena il 20% del totale, complice l’involuzione iperliberista e anti meridionale del Pd”. E’ quanto dichiara il senatore del Movimento 5 Stelle Sergio Vaccaro.

“I fondi europei – sottolinea Vaccaro – non possono sostituire la programmazione ordinaria, perché il nostro obiettivo non è quello di dare contentini ai territori, ma distribuire le risorse che a loro spettano secondo i principi perequativi previsti dalla Costituzione, per i quali lo Stato deve dare di più a chi ha di meno, così da mettere i territori svantaggiati in condizione di competere alla pari. I governi della casta, in questi anni, hanno derubato il Sud, anche grazie a dubbi espedienti contabili, come la spesa storica, per la quale lo Stato costruisce meno asili in quei territori che ne hanno sempre avuti di meno perché poveri, o come i Lea, i livelli essenziali di assistenza, che non hanno adeguatamente tenuto conto di come la povertà incida sulle condizioni di salute dei meridionali. Con il nostro Governo intendiamo combattere povertà ed esclusione sociale. Ed è sulla scorta di questi presupposti che dobbiamo mettere al centro della nostra azione le aree più povere del Paese, concentrate principalmente al Sud”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print