Comuni

Campania, “Trasformazione, commercializzazione e sviluppo dei prodotti agricoli nelle aziende agroindustriali”: le domande sul nuovo bando

Fissato dal 7 settembre 2018 il termine iniziale per le domande sul nuovo bando “Trasformazione, commercializzazione e sviluppo dei prodotti agricoli nelle aziende agroindustriali). Scadenza 5 novembre 2018. 

 

Napoli, 1 Ottobre – La Regione Campania con Decreto n. 207 del 5 luglio 2018 ha approvato il Bando della Tipologia di intervento 4.2.1 (Trasformazione, commercializzazione e sviluppo dei prodotti agricoli nelle aziende agroindustriali) del PSR Campania 2014/2020.

SETTORI AMMESSI: l’ intervento 4.2.1 è rivolto alle imprese agroindustriali in una logica di integrazione con il settore agricolo e di sostenibilità ambientale nell’ambito delle filiere produttive campane: ortofrutticola, florovivaistica, vitivinicola, olivicolo olearia, cerealicola, carne, lattiero casearia, piante medicinali e officinali.

BENEFICIARI Imprese agro-industriali, ovvero le imprese che operano nel settore della lavorazione, trasformazione e com mercializzazione dei prodotti agricoli. 
Possono beneficiare delle agevolazioni anche le aziende che esercitano la sola attività agricola, che a seguito del progetto di investimento effettuino la lavorazione e/o trasformazione e/o commercializzazione dei prodotti agricoli come attività prevalente.

CONTRIBUTO: sono previsti incentivi in forma di contributo in conto capitale.
L’entità del sostegno è pari al 50% del costo dell’investimento fatto salvo i casi in cui il prodotto trasformato non sia un prodotto elencato nell’allegato I, in tal caso le aliquote di sostegno sono del 45% per micro e piccole imprese e del 35% per medie imprese.

INVESTIMENTO MASSIMO: l’investimento massimo ammissibile al sostegno è per le società di capitali in € 4.000.000,00,  per le società di persone, le imprese individuali e le imprese di nuova costituzione in € 2.000.000,00.

SPESE AMMESSE: spese per investimenti per la costruzione di nuovi stabilimenti nel tetto massimo del 50% della spesa massima ammissibile, spese per il miglioramento o l’ampliamento di edifici esistenti nel tetto massimo del 25% della spesa massima ammissibile, spese per gli investimenti per l’acquisto di macchine, impianti e attrezzature la spesa massima ammissibile è fissata fino a un massimo di € 2.000.000,00, spese per l’acquisto di beni immateriali nel tetto massimo del 2,5% della spesa massima ammis sibile.

DOMANDE: dal 7 settembre al 5 novembre 2018 

 

 

PSR CAMPANIA 2014/2020.

INTERVENTO 4.2.1

TRASFORMAZIONE, COMMERCIALIZZAZIONE E SVILUPPO DEI PRODOTTI AGRICOLI NELLE AZIENDE AGROINDUSTRIALI) DEL PSR CAMPANIA 2014/2020.

  • La Regione Campania con Decreto n. 207 del 5 luglio 2018 ha approvato il Bando della Tipologia di intervento 4.2.1 (Trasformazione, commercializzazione e sviluppo dei prodotti agricoli nelle aziende agroindustriali) del PSR Campania 2014/2020.

INTERVENTO 4.2.1

L’ intervento 4.2.1 è rivolto alle imprese agroindustriali in una logica di integrazione con il settore agricolo e di sostenibilità ambientale nell’ambito delle filiere produttive campane:

  • ortofrutticola, 
  • florovivaistica,
  • vitivinicola,
  • olivicolo olearia,
  • cerealicola,
  • carne,
  • lattiero casearia,
  • piante medicinali e officinali.

BENEFICIARI

Imprese agro-industriali, ovvero le imprese che operano nel settore della lavorazione, trasformazione e com mercializzazione dei prodotti agricoli.

  • Qualora tali imprese siano anche produttrici della materia prima agricola, questa deve rap presentare nell’ambito del progetto d’investimento un quantitativo non prevalente (infe riore al 50%) rispetto al totale della materia prima che si intende lavorare/trasformare.
  • Altresì possono beneficiare delle agevolazioni anche le aziende che esercitano la sola attività agricola, che a seguito del progetto di investimento effettuino la lavorazione e/o trasformazione e/o commercializzazione dei prodotti agricoli come attività prevalente.

Sono ammissibili gli investimenti relativi alla commercializzazione dei prodotti in uscita pur ché tale attività sia correlata alla lavorazione/trasformazione dei prodotti agricoli in entrata.

INTERVENTI AMMESSI

La tipologia di intervento, nell’ambito dei processi di lavorazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, incentiva investimenti diretti:

  • a) alla costruzione, all’ampliamento o al miglioramento di beni immobili destinati alla at tività di lavorazione, trasformazione, commercializzazione dei prodotti agricoli;
  • b) all’acquisto di impianti, macchine ed attrezzature nuove di fabbrica necessarie al ci clo produttivo;
  • c) al miglioramento dell’efficienza energetica e alla produzione di energia da fonti rin novabili esclusivamente come parte integrante dell’investimento in un nuovo im pianto di trasformazione dei prodotti agricoli per soddisfare il fabbisogno energetico dell’impianto stesso;
  • d) all’acquisto di programmi informatici, brevetti, diritti d’autore e licenze.

CONTRIBUTO

Sono previsti incentivi in forma di contributo in conto capitale.

L’entità del sostegno è pari al 50% del costo dell’investimento fatto salvo i casi in cui il prodotto trasformato non sia un prodotto elencato nell’allegato I, in tal caso le aliquote di sostegno sono:

  • 45% per micro e piccole imprese
  • 35% per medie imprese.

INVESTIMENTO MASSIMO

L’investimento massimo ammissibile al sostegno è fissato come segue:

  • per le società di capitali in € 4.000.000,00;
  • per le società di persone, le imprese individuali e le imprese di nuova costituzione in € 2.000.000,00.

La spesa massima ammissibile per ciascuna impresa e per l’intero periodo di programmazione 2014-2020, è fissata in 4.000.000,00 €

SPESE AMMESSE

Spese per investimenti per:

  • costruzione di nuovi stabilimenti nel tetto massimo del 50% della spesa massima ammissibile;
  • miglioramento o ampliamento di edifici esistenti nel tetto massimo del 25% della spesa massima ammissibile;
  • investimenti per l’acquisto di macchine, impianti e attrezzature: la spesa massima ammissibile è fissata fino a un massimo di €2.000.000,00;
  • acquisto di beni immateriali nel tetto massimo del 2,5% della spesa massima ammissibile.

DOMANDE

dal 7 settembre al 5 novembre 2018

APPROFONDIMENTO

SCARICA I DOCUMENTI

Decreto n. 207 del 05.07.2018 (pdf 1.9 Mb)

image_pdfimage_print

Lascia un commento