Politica

Campania, Muscarà (M5S):”Patto per Napoli, così abbiamo fatto nascere il nuovo progetto per Scampia”

La capogruppo regionale. “Impegnati da mesi con le associazioni di quartiere dopo un incontro pubblico col ministro Lezzi”

 

 

Napoli, 15 Maggio – “Implementare il patto per Napoli con un più ampio progetto di riqualificazione dell’area di Scampia è per noi motivo di grande soddisfazione. Un risultato reso possibile grazie al lavoro che, come Gruppo regionale, stiamo portando avanti da mesi, in costante contatto con il ministro Lezzi e con i suoi uffici, grazie soprattutto alla collaborazione e al supporto delle associazioni del quartiere. Un’opera significativa avviata in occasione di un incontro pubblico con gli abitanti di Scampia, nella sede di Officine delle Culture, a cui ha presenziato anche il ministro Lezzi. E’ stata l’occasione per confrontarci con gli abitanti, le associazioni e i comitati e dare vita a un vero progetto di riqualificazione che non si fermasse solo all’abbattimento delle Vele”. Lo rivela la capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle Maria Muscarà.

“Sono anni – prosegue Muscarà – che sosteniamo che la speranza per quartieri come Scampia debba passare per progetti che non siano solo di facciata. Non bastano gli alloggi, non basta l’abbattimento di qualche stortura architettonica. Bisogna creare serie alternative sociali attraverso un insieme di piccole opere che rendano il quartiere attrattivo anche agli occhi di chi non lo abita, come parchi, strutture pubbliche fruibili dai residenti, progetti per vivacizzare il commercio. Nelle prossime settimane continueremo a lavorare a stretto contatto con le associazioni del quartiere, perché il rilancio di Napoli possa finalmente partire anche e soprattutto dalla sua periferia. Mentre il governo vigilerà sugli investimenti messi in campo, perché il progetto Scampia non segua lo stesso fallimentare destino dei Grandi Progetti per il centro storico e il Porto”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa