Politica

Campania, Manzi (Pd): “Rifiuti come risorsa economica. Da Ato 200mila posti di lavoro”

Nola, 23 Febbraio – Lo smaltimento dei rifiuti come opportunità economica e non più emergenza. Nel giorno in cui l’Italia si “illumina di meno” aderendo all’iniziativa ecologica di Radio Due, Andrea Manzi – candidato alla Camera dei deputati nel Collegio di Nola per il Partito democratico- rilancia il dibattito sull’ambiente: “Il concetto da cui partire- dichiara Manzi- è quello dell’economia circolare, nella quale i rifiuti si trasformano da problema da risolvere a opportunità da sfruttare per generare una crescita sostenibile con nuovi posti di lavoro. Nell’economia circolare un prodotto è pensato sin dal design e dalla scelta del materiale, per durare, essere riparato e riciclato. Alla fine della sua vita, questo oggetto sarà di nuovo materia prima per un altro prodotto, con benefici per l’ambiente e riduzioni emissioni di anidride carbonica. Anche nel nostro territorio possiamo inserire questi concetti e queste opportunità nei piani d’ambito che gli Ato dovranno redigere. Ed io in qualità di presidente dell’Ato 3 mi impegnerò a farlo e da parlamentare darò impulso a farlo in tutta la Regione Campania”.

“Nell’Ato 3- continua-  ci sono ingenti risorse già stanziate da destinare ad interventi strutturali per impiantistica e per sviluppare al meglio un progetto complessivo dove anche il riuso possa essere un elemento che migliori innanzitutto la qualità della vita dei nostri cittadini e il sistema complessivo di smaltimento dei rifiuti. Ma principalmente può essere una straordinaria occasione di sviluppo e di creazione di posti di lavoro e qualificati e duraturi. Dagli studi effettuati dall’Osservatorio del sistema integrato dei rifiuti  predisposto dalla Regione Campania, negli Ato sarà possibile ottenere oltre 200.000 posti di lavoro oltre a garantire la stabilizzazione degli ex Cub”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa