Politica

Campania, il senatore Puglia (M5S):”Morti sul lavoro, con Decreto dignità metteremo fine a questa mattanza”

Il senatore: “Mai più casi come quello del povero Salvatore Caliano”

 

Napoli, 12 Luglio – “Quando il lavoro scarseggia, pur di trovare un’occupazione si rischia non solo di perdere la dignità, ma sempre più spesso si perde la vita. La morte del 37enne Luca Savio, con un contratto di appena una settimana, fa seguito alle tragiche scomparse sul luogo di lavoro del 70enne Luca Lovati e del 21enne napoletano Salvatore Caliano. Un drammatico bollettino. Un drammatico bollettino che va a incrementare un elenco infinito che calcola ben 13mila vittime negli ultimi dieci anni, tutti lavoratori che hanno pagato a caro prezzo la ricerca di un reddito e di un briciolo di dignità”. Così il senatore del Movimento 5 Stelle Sergio Puglia, membro della Commissione Lavoro, commenta la tragica morte di un operaio a Marina di Carrara avvenuta ieri.

“La sicurezza sul lavoro – prosegue Puglia – soprattutto quando i mercati sono depressi, deve tornare una priorità nell’agenda del Governo e del Parlamento. Il Decreto Dignità, che presto approderà in aula, è stato pensato dal ministro Di Maio e da questa maggioranza proprio per porre fine alle situazioni di precariato, mettendo al centro il ruolo del lavoratore e dell’essere umano che, anche nelle situazioni più disperate, non deve trovarsi nelle condizioni di accettare proposte di lavoro che non offrano adeguate tutele e garanzie” Come Movimento 5 Stelle c’è la volontà di contrastare, attraverso misure concrete, ogni situazione di sfruttamento e di abuso nel mondo del lavoro. Tuttavia occorre che accanto al mondo politico anche quello imprenditoriale si adoperi per salvaguardare la dignità dei lavoratori. Il mio pensiero di cordoglio va alle famiglie dei tre lavoratori scomparsi in questi giorni”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa