Politica

Campania, Sanità. Ciarambino (M5S):”Nello sconforto vivono da anni i cittadini della Campania”

La consigliera regionale: “Grazie a ministro Grillo De Luca non potrà nominare manager per quota politica”

 

Napoli, 8 Settembre – “L’uomo che auspica una stagione di serenità e di dialogo politico, alla prima occasione spara a zero contro un ex ministro della Repubblica, solo perché ha osato denunciare tutte le carenze e le nefandezze della sua gestione della sanità. Non sarà certo l’assenza di Giulia Grillo, a cui va tutta la nostra gratitudine per come ha interpretato il suo ruolo e per la grande attenzione che ha avuto per la Campania, a consentire a De Luca di tornare ad affossare la sanità della nostra regione. Gli unici a permanere nello sconforto sono i cittadini della Campania e tutti gli operatori della sanità costretti a fare i conti con il malgoverno di Vincenzo De Luca. E se questa regione resta commissariata è perché, a dispetto dei numeri che racconta il governatore, la qualità dell’assistenza non ha mai raggiunto un livello così basso. E se De Luca è ancora commissario è stato solo per l’ostruzionismo ingiustificato di un sottosegretario leghista”. Così la capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle Valeria Ciarambino.

“La nostra azione di denuncia e di proposte per migliorare la sanità regionale non si fermerà – prosegue Ciarambino – e auspichiamo con il nuovo ministro lo stesso dialogo intercorso in questi mesi con il ministro Grillo, che ha portato a risultati in controtendenza alla gestione De Luca. A cominciare dai criteri di scelta dei manager nella sanità, come stabilito dal decreto Calabria, basati su meritocrazia e trasparenza, non certo per appartenenza politica e requisiti clientelari. Gli stessi requisiti con cui De Luca ha nominato fino a oggi gli attuali dirigenti. Grazie al Movimento 5 Stelle la stagione delle clientele è oramai finita, resta solo da aspettare che finisca quella di Vincenzo De Luca”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print