Politica

Campania, Armatori. B. Matera (FI):”180mila lavoratori ignorati, necessario voltare pagina”

Napoli, 21 Maggio – “Zero interventi per facilitare l’accesso al credito, zero provvedimenti per l’attuazione dei processi di sburocratizzazione, zero strutture e uffici ministeriali dedicati. È disarmante: oramai, completamente ripiegato su se stesso e sulla ricerca smodata del consenso, questo governo ha completamente e colpevolmente ignorato un settore come quello armatoriale che solo al Sud conta oltre 180 mila occupati e che sta letteralmente rischiando la più totale desertificazione”. Lo denuncia l’onorevole Barbara Matera (FI), europarlamentare uscente del Ppe a margine di un incontro con gli armatori Giuseppe D’Amato, Nicola Coccia e numerosi imprenditori dello shipping, nella sede di via De Pretis a Napoli.

“La promessa e mancata  attuazione di norme che avrebbero dovuto favorire il dialogo tra questa comunità con il sistema bancario, l’impegno disatteso ad attivare norme di semplificazione che avrebbero dovuto ridurre il gap dei costi di gestione con quelli medi europei e la riattivazione coerente e concreta delle funzioni dell’ex ministero della Marina Mercantile presso la sede del ministero dei Trasporti, hanno procurato danni per milioni di euro e costretto i nostri armatori a vendere questo importantissimo patrimonio strategico per lo sviluppo del Parse ed in particolare del Sud, ai fondi finanziari internazionali”, spiega l’onorevole Matera.

“Ecco il governo del cambiamento (in peggio), ecco perché è assolutamente indispensabile cambiare registro”, conclude l’esponente di Forza Italia.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print