Sports

Cagliari-Napoli 0-1: magia di Milik nel recupero

Cagliari, 16 Dicembre  – Dopo la cocente delusione per l’eliminazione dalla Champions League, il Napoli si rituffa nel campionato per un immediato riscatto. Intanto vincono Juventus e Inter, gli azzurri hanno dunque, l’obbligo di conquistare i tre punti a Cagliari, contro l’ostica compagine di Maran, per tenere il passo delle due avversarie. Il Cagliari invece prova ad invertire il trend: nelle due ultime stagioni in Sardegna ha subito dieci gol dal Napoli. Due pesantissime sconfitte per 5-0. Numeri molto negativi in più c’è il dato che Ancelotti non ha mai perso come allenatore contro la compagine rossoblù. Continua la striscia positiva in Sardegna per i partenopei. Gli azzurri, grazie ad una prodezza di Milik, oggi in giornata di grazia, stendono il coriaceo Cagliari di Maran. Partita a due volti. Nel primo tempo, nonostante un marcato predominio territoriale, i partenopei non concretizzano alcuna azione da rete, il Cagliari  è invece molto vivace, gioca con grande determinazione e  si rende pericoloso con Faragò e Farias. Nella ripresa la musica cambia. Il Napoli chiude i rossoblù nella propria metà campo, le occasioni da rete fioccano a ripetizione. L’eroe della serata, è il polacco volante Arkadiusz Milik che spacca la porta cagliaritana con una bolide su punizione. Tre punti pensati quelli conquistati sul rettangolo verde della Sardegna Arena che limitano la fuga della corazzata bianconera. Ancelotti ci crede, alla vigilia del match lo ha detto a chiare lettere: “Distacco colmabile nel tempo”. La prima tappa cagliaritana fa ben sperare.

 

 

LA CRONACA.  Il Napoli fa la partita fin dai primi minuti di gioco ma è il Cagliari che all’11’ va vicinissimo al vantaggio. Farias ruba palla sulla trequarti e fila verso l’area azzurra, pesca con un assist Faragò che impegna Ospina costretto a deviare in angolo. Partita molto tattica, a centrocampo le due squadre lottano e sia annullano a vicenda. Gli azzurri fanno fatica a trovare sbocchi concreti verso la porta difesa da Gragno. Al 41’ è ancora il Cagliari a rendersi molto pericoloso con un’ottima azione corale. Faragò si disimpegna sulla trequarti azzurra, preciso l’assist per Farias che a colpo sicuro spara una sberla, miracoloso l’intervento di Ospina che da due passi dall’attaccante si accartoccia sulla palla e la blocca. Cala il sipario su un primo tempo poco spettacolare, il Napoli comanda il gioco ma non trova quasi mai la strada della porta. Le due azioni più pericolose sono infatti a vantaggio dei padroni di casa.

Ad inizio ripresa il Napoli è subito pericoloso. Grande cavalcata sulla destra di Malcuit che semina avversari, entra in area cagliaritana e mette al centro una gran palla per Fabian Ruiz, grande sberla dello spagnolo e palla fuori per un pelo. Il Napoli non si ferma e affonda il colpo. Scocca il 50’ ed è Milik che su splendido assist di Zielinski fa partire un micidiale sinistro ancora una volta fuori dallo specchio della porta. Decisamente un’altra squadra il Napoli rispetto alla prima frazione di gioco. La gara è  molto più viva, i partenopei caricano a testa bassa e al 61’ su assist del nuovo entrato Mertens è ancora il sinistro al fulmicotone di Milik ad impegnare Cragno in un difficile intervento in due tempi. Gli uomini di Ancelotti capiscono che è il momento di osare e al 67’ è sempre, il polacco volante che su ennesimo cross di Mertens si alza in cielo e con un micidiale colpo di testa manda la sfera a sbattere sulla traversa. La partita è sempre più combattuta, il Napoli spinge alla disperata ricerca del vantaggio, i padroni di casa, stremati dalla fatica, si difendono con le unghie e con i denti. Scocca il 91’ e arriva finalmente il vantaggio azzurro. Progressione micidiale di Mertens messo già al limite dell’area da una entrata a forbice di Andreolli. Batte la punizione Milik, fucilata di sinistro che gonfia la rete: 0-1. Sette sono i minuti di recupero assegnati da Doveri di Roma, il Napoli gestisce senza patemi fino alla fine e conquista tre punti molto preziosi per non perdere di vista la Juventus e mantenere allo stesso tempo le distanze dalla Beneamata.

Le formazioni.

Cagliari: Cragno, Pisacane, Romagna, Klavan, Padoin, Faragò Bradaric, Barella, Ionita, Joao Pedro, Farias. Allenatore: Maran

A disposizione: Rafael, Aresti, Pajac, Andreolli, Dessena, Cigarini, Cerri, Sau.

Napoli: Ospina, Malcuit, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam, Ounas, Allan, Diawara, Zielinski, Fabian Ruiz, Milik. Allenatore: Ancelotti.

A disposizione: Meret, Karnezis, Hysaj, Albiol, Luperto, Hamsik, Rog, Callejon, Younes, Mertens, Insigne.

Arbitro: Doveri di Roma. Assistenti: Lo Cicero, Ranghetti. IV Uomo: Serra. Var: Mariani. A. Var: Marrazzo.

Reti: 91’ Milik

Sostituzioni: Al 61’ esce Diawara ed entra Mertens. Al 70’ esce Ounas ed entra Insigne. Al 78’ esce Romagna ed entra Andreolli. Al 79’ esce Malcuit ed entra Callejon. All’85’ esce Pisacane ed entra Cigarini.

Note: 47’ ammonito Padoin. 71’ ammonito Maksimovic. 79’ ammonito Insigne. 89’ ammonito Sau.



Scisciano Notizie crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, Scisciano Notizie correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online e Scisciano Notizie ritiene che l'accuratezza sia ugualmente essenziale; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a redazione@sciscianonotizie.it

Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa