Comuni

Brusciano piange la prematura morte di Giovanni Turboli stimata figura Festa dei Gigli

Brusciano – La Comunità di Brusciano piange la morte di Giovanni Turboli le cui esequie muoveranno dalla sua dimora in Via Tirone 12 alle ore 9,30 di Sabato 28 Maggio per la Parrocchia San Giovanni Battista ove verrà officiato il rito funebre e da cui partirà il trasporto della salma per il Cimitero Comunale di Brusciano.

La sua prematura scomparsa, all’età di 60 anni, lascia esterrefatti i familiari, i conoscenti ed il mondo degli operatori della Festa dei Gigli. Oltre a quello familiare dell’annuncio funebre, sono stati affissi manifesti di partecipazione al lutto da parte delle Associazioni dei Gigli di Brusciano e Barra.

L’ultimo suo impegno in prima persona nell’agone giglistico era stato nel 2013 con l’Associazione culturale no profit “Giglio Amici del Parulano”, la presidenza pro tempore dell’avvocato Angelo Di Palma e famiglia e la partecipazione della Paranza Barrese “La Formidabile Top Class 1983” guidata da Lello Maddaluni.

Il sociologo Antonio Castaldo così ricorda Giovanni Turboli: “Un uomo buono, gran lavoratore, onesto e rispettato da tutti. Egli ha saputo onorare l’insegnamento del padre, storico capoparanza bruscianese, Zi Pascale e’ Fabrizi, e l’esempio di rettitudine morale dello zio, Fabrizio Turboli, ex Sindaco di Brusciano. Nella Festa dei Gigli del 2013 volle la mia collaborazione per realizzare lo Scambio Culturale con la tradizione sonora di Macerata Campania della provincia di Caserta. Ci riuscimmo con il cultore Vincenzo Capuano dell’Associazione “Sant’Antuono & le Battuglie di Pastellessa” ed il gruppo musicale “Suoni Antichi”, diretto da Raffaele Piccirillo, ospiti nella sfilata dei carri allegorici di quell’anno. Nel ricordare l’amico Giovanni Turboli, facendomi portavoce del sentimento generale, di stima, di affetto e vicinanza, porgo alla moglie Patrizia Blasio, ai figli Pasquale e Fabrizio, al genero, alla nuora, ai fratelli Franco e Giuseppina ed a tutta la famiglia, Turboli e Blasio, le più sentite condoglianze”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print