Comuni

Brusciano, Amministrative 2018. l’Avvocato Peppe Montanile ed il Giudice Carminantonio Esposito impegnati per il Ballottaggio del 24 Giugno

Brusciano, 15 Giugno – A Brusciano, domenica 10 Giugno, per le Amministrative 2018, hanno votato in 10.164, il 74,85% degli elettori, i quali hanno distribuito in maniera assai significativa le loro preferenze decidendo i destini elettorali dei 5 candidati alla carica di Sindaco e dei 304 candidati al Consiglio Comunale capiente di soli 16 posti per le attività del Civico Consesso. Intanto, la libera e democratica partita elettorale bruscianese non si è ancora chiusa, tutto è rimandato al Ballottaggio di Domenica 24 Giugno 2018. Il primo turno è stato superato dall’Avvocato Peppe Montanile con 4.550 voti, il 45,60% e dal Giudice Carminantonio Esposito, con 3.488 voti, il 34,95%. Il Candidato a “Sindaco per Brusciano” Peppe Montanile ha stabilito il provvisorio primato grazie all’apporto di sette liste civiche: Nuovi Orizzonti, con 1.268 voti; Brusciano Cambia, 743; Il Grano, 641; La Politica Per Bene, 575; Terra Nostra, 500; La Rondine, 488; Brusciano Sei Tu con 454 voti.

Il Candidato a “Sindaco di Brusciano”, Carminantonio Esposito, anch’egli sostenuto da sette liste civiche, lo incalza con i contributi di Rinascimento Bruscianese con 1.199 voti; Forza Brusciano, 689; Mir Moderati in Rivoluzione, 659; Brusciano Libera, 565; La Città che Vogliamo, 397; Insieme, 90; Prima Brusciano con 58 voti.

Gli altri tre competitori hanno ottenuto risultati insufficienti a superare il primo turno. L’aspirante Primo Cittadino scelto dal Partito Democratico, il Dottore Antonio Castaldo, ha conquistato 971 voti, 9,73%, sostenuto da tre liste, quella del PD e di due civiche, Avanti Brusciano e Prospettive per Brusciano. La Candidata Sindaca, Liana Rollino del Movimento 5 Stelle, qui al debutto elettorale comunale, con una sola lista, ha raggiunto 567 voti, il 5,81%. Il Popolo Sovrano di Gaetano Alloca ha espresso 154 voti, il minimo registrato, 1,57%. 

L’appuntamento è dunque fissato per il Ballottaggio di Domenica 24 giugno 2018. I diretti interessati, Montanile ed Esposito, nel corso della campagna elettorale sono stati percepiti dalla Comunità di Brusciano, memore di passate elezioni comunali segnate da grandi oratori, in un crescendo di simpatie e consensi per i candidati divenuti nell’immaginario popolare “L’Avvocato” ed “Il Giudice” che si affronteranno nella finalissima di Domenica 24 giugno 2018.

Peppe Montanile, per una “Politica per Bene”, dopo la notte dello spoglio, tra il 10 e l’11 giugno, che ha visto la sua colazione sempre in vantaggio sugli avversari, ha dichiarato: “È un ottimo risultato. Sapevamo che con 5 candidati sindaco in ballo sarebbe stata difficile, ma sfondare il muro del 45% ci dà una garanzia importante: quasi un bruscianese su 2 ha scelto la nostra coalizione. La vittoria è solo rimandata. Affrontiamo queste due settimane di campagna elettorale ripartendo da zero ma con la consapevolezza che il nostro messaggio è giunto forte e chiaro: la politica perbene è sinonimo di lealtà, coerenza e determinazione. E questo i bruscianesi lo hanno ben capito. Adesso -ha concluso Montanile- più che mai siamo pronti a continuare questa sfida avendo ben in mente il nostro traguardo: amministrare la città con i bruscianesi e per i bruscianesi”.

Carminantonio Esposito coerente al motto “Lealtà e legalità per lo sviluppo di Brusciano” ha dichiarato: “Grazie ai cittadini che mi hanno dato la fiducia nelle votazioni del 10 giugno. Una manifestazione di stima, affetto e fiducia per il seme nuovo che ho gettato per un nuovo metodo di fare politica per il bene di Brusciano. Contenuti nuovi che hanno portato al ballottaggio. Metodo nuovo fondato sulla lealtà e sul rispetto verso tutti. Questa è la nostra impostazione. Si devono dire i fatti nella loro oggettività, lasciando i giudizi agli altri. I dati oggettivi devono essere rispettati da tutti. Una volta diventato sindaco -ha prospettato Esposito- provvederò a tutelare le fasce deboli. A migliorare l’efficienza dei servizi pubblici. A dichiarare la fine delle clientele, non avendo promesso niente a nessuno in sede di campagna elettorale”.

Quale sarà l’esito? Lo decideranno i bruscianesi domenica prossima.Chi volesse soddisfare una curiosità statistica sull’andamento dei ballottaggi, in generale in Italia, potrebbe consultare un studio, frutto di ricerca indipendente, sulle amministrative effettuate dal 2010 al 2015,dell’Istituto Cattaneo, pubblicato durante le Comunali del 2016.Questo è quanto si legge in merito ai “Ballottaggi italiani fra conferme. Rimonte e sorprese nell’analisi a cura di Filippo Tronconi e Marco Valbruzzi: «In media, il vincitore del primo round delle elezioni riesce a confermare la propria vittoria anche nel turno successivo (e decisivo) nel 71% dei casi, mentre i casi di rimonta sono all’incirca tre su dieci (29%). Ne consegue, quindi, che i ballottaggi comunali non sono tutti uguali e, soprattutto, che la metafora calcistica dello “zero a zero” non tiene alla prova dei fatti. In molti casi il ballottaggio conferma il responso del primo turno e solo in una (significativa) minoranza di episodi il secondo turno produce un risultato “sorprendente”». (Fonte Webhttps://www.cattaneo.org/2016/06/16/zero-zero-palla-al-centro-ballottaggi-italiani-conferme-rimonte-sorprese). Comunque sia, la scelta conclusiva verrà espressa dalla volontà popolare. Domenica 24 Giugno gli elettori di Brusciano torneranno alle urne elettorali per lo storico Ballottaggio fra Peppe Montanile e Carminantonio Esposito. In quella occasione Brusciano sceglierà il suo Sindaco per il prossimo quinquennio.

image_pdfimage_print

Sociologo e giornalista

“Pensare, Scrivere, Partecipare nella Libertà con Responsabilità”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *