Cronaca

Botti di Capodanno, 46 il bilancio dei feriti nel napoletano

Napoli, 1 Gen. – E’ di 46 feriti il bilancio della notte di San Silvestro nel Napoletano. I più gravi sono due bambini di 9 e 12 anni, ricoverati all’ospedale pediatrico ‘Santobono’ con ferite alle mani ed ustioni. Per loro la prognosi è di 30 giorni. Trentuno i feriti a Napoli città, tra i quali sei minori; 15 in provincia, con due minori.

Un colpo di pistola ha trapassato la gamba di una signora napoletana che si era affacciata al balcone della sua casa in via Comunale Miranda, nel quartiere Ponticelli per ammirare i fuochi. Ad aumentare la lista dei feriti di Capodanno, spiccano tre episodi avvenuti circa mezz’ora dopo i primi botti di mezzanotte. Si tratta di un 16enne napoletano che ha riportato escoriazioni al volto perché gli è esploso un petardo all’altezza della faccia.

Un altro giovane, sempre napoletano, a cui sono saltate 4 dita dalla mano sinistra ed un nigeriano che sembra aver raccolto un botto da terra riportando una gravissima lesione ad un dito della mano sinistra. Questo triste bilancio era stato preceduto da un grave episodio avvenuto nel primo pomeriggio quando un petardo era esploso nella mano di bambino di 9 anni. Il dato dei feriti per i botti nella notte di San Silvestro continua a calare: l’anno scorso furono 51 i feriti nel Napoletano.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print