Comuni

Baiano, la Festa della Nocciola eletta sagra di qualità tra percorsi storici e promozione del territorio

 

Baiano, 19 Settembre – La Festa della nocciola di Baiano, svoltasi dal 13 al 15 Settembre, organizzata dalla Pro Loco di Baiano, presieduta da Felice D’Anna,  giunta alla XXVIII edizione, ha ottenuto il riconoscimento di sagra di qualità, collocandosi tra le ventuno elette  a livello Nazionale, un progetto promosso dall’Unione delle Pro Loco italiane con lo scopo di far riscoprire e allo stesso tempo promuovere storia, cultura, arte, tradizione e commercio sul territorio.

Nell’Area Enogastronomica tanti gli stand per le degustazioni culinarie, incentrate sul prodotto ricavato dalla nocciola, tra cui il piatto principe della festa “Pasta fresca al pesto di nocciola”. Nell’Area Mostre un percorso naturalistico e ricco di storia, nell’area dedicata alle mostre i visitatori hanno potuto vedere le bellezze del Parco del Partenio e dei Beni Culturali e Ambientali, fino a tracciare le Vie della Nocciola.

È stata allestita una mostra per la valorizzazione della storia territoriale sui più importanti Monumenti da riscoprire, tra cui:- La Chiesa di Sant’Elia ed Eliseo e la Fontana del 1899 fatta erigere dalla Principessa di Avella, Livia Colonna a Sperone ;- Il Palazzo Caravita e la Chiesa di Sant’Andrea a Sirignano; – Il Santuario di Santa Filomena e la Chiesa Maria SS del Carmelo a Mugnano; – Il Ponte di Aquaserta, realizzato tra la fine XIX e l’inizio del XX secolo, e la Chiesa SS. Annunziata a Quadrelle; – I quattro Monumenti Funerari dell’antica necropoli, databili tra il I secolo a.C. e il I secolo d.C., l’Anfiteatro Romano, uno dei più antichi della Campania, il Convento di San Francesco e il Castello San Michele, del  VII secolo, ad Avella; – L’Eremo di Gesù e Maria, la Chiesa di Fontana Vecchia, la Chiesa di San Giacomo, la Chiesa di Santo Stefano, la Chiesa di Santa Croce e la Chiesa dei SS Apostoli Filippo e Giacomo a Baiano.

Tante le Associazioni in campo con i loro prodotti artigianali, vere creazioni artistiche, dai gioielli fatti di fiori e foglie, alle sculture create con le pagine di vecchi libri. (Associazione  Le Ali della Vita di Avella e l’Associazione La Piccola Cometa “Alessia Bellofatto” di Baiano) “Ogni lavoro fatto a mano racchiude: l’ispirazione, l’idea, la progettazione e la sua creazione. Regalare un oggetto fatto a mano significa donare qualcosa di speciale, perché racchiude in se l’amore, l’attenzione, la passione, l’abilità di chi lo esegue. Nel lavoro artigianale nessun pezzo è uguale all’altro e anche se con qualche imperfezione, diventa: unico, originale e inimitabile”.

La regina di questa manifestazione è stata la nocciola campana, tantissimi i prodotti dolciari ricavati da un percorso di valorizzazione e continua ricerca delle materie prime trasformate, utilizzando tecniche produttive all’avanguardia nel rispetto della filiera e dell’ambiente, con l’uso di energie ottenute da fonti rinnovabili. Creme alla nocciola, Creme spalmabili di primissima qualità ottenute da ingredienti accuratamente selezionati. La Mortarella, varietà tipica di Avella, che conferisce un tocco raffinato e un gusto morbido e avvolgente, tantissime le linee di scelta, con assenza di :glutine, latte, olio di palma, grassi idrogenati o conservanti.

Ancora tanto divertimento per tutta la famiglia e grandissima affluenza  nelle aree: ballo, musica live, e per bambini. Tanta l’attenzione per il riciclo creativo capace di lanciare un messaggio forte e chiaro sull’ecologia e il riuso.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa