Comuni

Aversa, inaugurazione della Chiesa restaurata di Santa Marta Maggiore

Sabato 15 giugno, Inaugurazione della Chiesa restaurata di Santa Marta Maggiore di Aversa

Aversa, 15 Giugno – Sabato 15 giugno 2019, alle 11, in Aversa n via Santa Marta n.52, avrà luogo la riapertura al culto della monumentale chiesa di Santa Marta Maggiore – sede della Confraternita della Purificazione della Beata Vergine Maria, una delle più antiche della città – edificio di culto restituito alla pubblica fruizione dei fedeli grazie al restauro effettuato con contributi del fondo otto per mille dell’Ufficio nazionale Beni culturali della Conferenza Episcopale Italiana. La solenne concelebrazione eucaristica sarà presieduta dal Vescovo diocesano Mons. Angelo Spinillo, con la partecipazione dei Confratelli della Congrega mariana.

L’antica chiesa di S. Marta Maggiore è stata sede di una delle primitive parrocchia normanne, fino al 1592, quando per opera del vescovo Pietro Ursino venne abolita come cura pastorale per crearne una nuova in periferia, l’erigenda parrocchia della Visitazione di Maria Santissima, popolarmente detta Santa Maria La Nova. E’  posta nel cuore del nucleo più antico di Aversa, è costituita da tre navate su impianto medievale, con l’attuale pianta   ribaltata nel Settecento, cioè con l’abside a ovest e facciata ad est. 

Grazie ai primi lavori di consolidamento del post-terremoto del 1980 ed ora grazie ai lavori progettati e diretti dall’arch. Giuseppina Torriero, coordinati dall’ing. Oreste Graziano, della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Caserta e Benevento, e curati dal Responsabile per i beni culturali della Diocesi di Aversa mons. Ernesto Rascato, la chiesa di Santa Marta Maggiore  è stata oggetto di un intervento di restauro che  ha riportato alla luce i valori artistici originari. Le volte ogivali e le monofore strombate trecentesche, le ornamentazioni in stucco e l’interessantissimo pavimento in cotto maiolicato settecentesco, il  recupero del solaio in legno a cassettoni, il restauro funzionale delle coperture delle navate.

La restituzione al Popolo di Dio e alla cultura universale di un piccolo ma prezioso edificio sacro come  Santa Marta Maggiore, segna un ulteriore passo, operato dalla Diocesi con la Soprintendenza,  grazie alla generosità dei fondi Otto per mille della CEI , verso la riappropriazione, da parte delle comunità, dei valori identitari esemplarmente rappresentati dal patrimonio storico-artistico.

 

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print