Politica

Arrestato il “re del pane” di Caserta per collusione con i Casalesi

Borrelli e Filosa: “Da anni denunciamo le influenze della camorra nel mondo della panificazione, i nodi stanno venendo al pettine

 

Napoli, 27 Marzo – “Sono anni che denunciamo le influenze della camorra nel mondo della panificazione, ora i nodi stanno venendo a pettine. L’arresto di Gianni Morico, considerato il “re del pane” di Caserta, condannato dalla Corte di Appello di Napoli per i rapporti con i Casalesi, non fa altro che rinforzare le nostre tesi: il pane della camorra esiste ed è un fenomeno che va combattuto con tutte le forze”.

Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il presidente di Unipan Mimmo Filosa. “Quando parlavamo degli interessi della camorra nella filiera della panificazione venivamo trattati con indifferenza o addirittura con ironia. Sottolineiamo la gravità delle dichiarazioni di Nicola Schiavone, collaboratore di giustizia e il figlio del capoclan dei Casalesi, che ha raccontato di come l’imprenditore avesse messo a disposizione del clan il suo marchio. In pratica una joint venture criminale che metteva a repentaglio la salute dei cittadini”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print