Attualita'

Allarme ozono in Campania

Napoli, 29 Giugno – Nel corso del mese di Giugno si è assistito in Campania, come nel resto d’Italia, ad un torrido aumento delle temperature. Di conseguenza si ritorna a parlare di “allarme ozono”. L’ozono non va confuso con il buco dell’ozono.

Qual è la differenza tra buco dell’ozono e inquinamento da azono?

L’ozono (O3) è un gas formato da tre atomi di ossigeno. In natura si trova in concentrazioni  rilevanti negli strati alti dell’atmosfera, dove costituisce una fascia protettiva nei confronti  della radiazione ultravioletta del sole. In questa zona dell’atmosfera, detta “stratosfera”, l’ozono è indispensabile alla vita sulla terra, perché impedisce di far passare i raggi pericolosi per la nostra salute.

Alcuni gas alogenati (in gran parte banditi dal mercato), utilizzati in passato come refrigeranti nei frigoriferi e nei condizionatori d’aria, nei solventi  per la pulitura a secco e come propellenti nelle bombolette spray, possono raggiungere infatti gli strati alti dell’atmosfera  dove interagiscono con l’ozono producendone la riduzione.

Negli strati bassi dell’atmosfera invece, la cosiddetta “troposfera”, esso è presente in basse concentrazioni, tranne nella aree in cui la presenza di alcuni inquinanti chimici, in concomitanza di fattori meteo-climatici favorevoli (alte temperature estive), può indurne la formazione con conseguente aumento della concentrazione.

Se dunque il buco dell’ozono si riferisce all’assottigliamento dello strato di ozono di cui abbiamo bisogno per proteggerci dalle radiazioni ultraviolette, l’inquinamento da ozono si riferisce all’aumento della sua presenza nell’aria che respiriamo, soprattutto nei periodi estivi, che può avere effetti dannosi sulla salute dell’uomo e sull’ambiente.

Qual è il rischio nei nostri territori?

La centralina Arpac di S.Vitaliano ha registrato il superamento della soglia massima per la terza volta in un mese venerdi’ 28 Giugno raggiungendo il valore massimo orario di 199 µg/m³. La centralina di Benevento nello stesso giorno ha raggiunto il valore di 224, e anche qui non è la prima volta nel mese di Giugno che si supera la soglia massima di 180 µg/m³.

Cava dei Tirreni supera il giorno 28 addirittura non per la prima volta la soglia massima di 280 µg/m³, attestandosi non per la prima volta al valore di 295.

Soglia d’informazione e soglia massima, quali sono le differenze?

Il Decreto Legislativo 155/2010 definisce:

soglia di informazione: livello oltre il quale sussiste un rischio per la salute umana in caso di esposizione di breve durata per alcuni gruppi particolarmente sensibili della popolazione nel suo complesso ed il cui raggiungimento impone di assicurare informazioni adeguate e tempestive;

soglia di allarme: livello oltre il quale sussiste un rischio per la salute umana in caso di esposizione di breve durata per la popolazione nel suo complesso ed il cui raggiungimento impone di adottare provvedimenti immediati;

 

Quali soggetti devono proteggersi dal rischio ozono?

Le categorie di persone particolarmente suscettibili ai rischi di esposizione ad ozono sono: bambini, donne in gravidanza, anziani, chi svolge attività lavorativa e fisica all’aperta, in particolare soggetti asmatici e soggetti con patologie respiratorie e cardiologiche. Queste categorie di persone devono evitare o quantomeno ridurre al minimo l’esposizione all’aria aperta nelle ore più calde della giornata. Le attività fisiche affaticanti poi andrebbero svolte sempre alle prime ore del mattino che portano ad un aumento dell’attività respiratoria andrebbero svolte sempre (prima delle 10) o nel tardo pomeriggio sera (dopo le 18).

 

Annibale P. Napolitano

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print