Comuni

Albanella, Progetto Commissione Pari Opportunità della Regione Campania all’IC VERNIERI

Albanella, 16 Febbraio – La Sottocommissione “Diritto alla città, politiche urbane e beni comuni nell’ottica di genere” della Commissione Regionale Pari opportunità ha ritenuto fondamentale investire su itinerari di educazione alla legalità, alle pari opportunità e di apprendimento alla cittadinanza, intesi come laboratori aperti e partecipati in cui poter ragionare con gli alunni di ogni ordine e grado, sulle rappresentazioni e sul significato di concetti come “diritti” e “legalità”, e in cui attivare percorsi orientati a far maturare, anche attraverso sperimentazioni ed iniziative concrete, la coscienza civile e la partecipazione. Su tale scia è stato proposto dalla Commissione Regionale Pari Opportunità della Campania presieduta dalla dott.ssa Natalia Sanna ad alcune lle scuole di ogni ordine e grado della Regione il progetto “Legalità, cittadinanza e pari opportunità come beni comuni”.

Tre sono stati gli incontri in cui il Comitato Scientifico, costituito dalla Presidente Natalia Sanna e dalle Componenti Maria Lippiello, Angelina Acampora e Maddalena Vitalone, ha trasmesso agli alunni alcuni spunti di riflessione su molteplici argomenti quali bullismo, discriminazione, mafie, pari opportunità, accoglienza.

Giovedi 14 febbraio, gli alunni delle classi della scuola media di Albanella, tra le scuole aderenti al progetto, hanno partecipato all’ultimo incontro di formazione ascoltando le relazioni della Presidente della Commissione Natalia Sanna, della Criminologa Chiara Esposito, della Dirigente del Commissariato di Battaglia Lorena Antonia Cicciotti, del Consigliere Provinciale di Salerno Dante Santoro e del Consigliere Comunale di Albanella Ciro Lamberti. Il percorso formativo ha inteso supportare gli alunni nella costruzione di una coscienza civica, il supporto a divenire “cittadini responsabili”, educando alla responsabilità, alla parità e alla cittadinanza. Dalla giornata è emerso il grande interesse dei ragazzi rispetto ai temi trattati e la loro risposta è stata puntuale e approfondita.

Ogni alunno ha dato il suo prezioso contributo, facendo emergere l’entusiasmo, la freschezza e la determinazione tipica dei ragazzi, rispetto a temi davvero pesanti quali quello dell’immigrazione.

Si è parlato dei muri costruiti nel passato, muri che apparentemente sono stati abbattuti, muri che vengono costruiti idealmente e materialmente ancora oggi.

 

 

Si è toccato il tema del bullismo e l’emarginazione del più piccolo, del diverso, ma a volte semplicemente di colui che viene preso di mira anche senza motivo, e si ritrova solo contro il gruppo. Si è parlato di mafie, ricordando la lotta alle mafie da parte di coloro che hanno dato la propria vita, per la libertà degli altri, per conquistare un paese migliore per i propri figli, per le generazioni future. Il percorso formativo ha sottolineato il ruolo centrale della scuola quale presidio di legalità e democrazia, una scuola che si pone come modello di coesione sociale e scuola aggregante.



Scisciano Notizie crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, Scisciano Notizie correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online e Scisciano Notizie ritiene che l'accuratezza sia ugualmente essenziale; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a redazione@sciscianonotizie.it

Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa