Comunicati

Afragola, Bacino di Caserta: “Caro presidente la Campania sta sperando”

Afragola, 17 Gen. –  Il BACINO DI CRISI DI CASERTA non ha perso occasione per far sentire  seriamente il suo dissenso,  ieri ad Afragola in occasione della  tanto sbandierata presentazione del progetto politico del presidente Vincenzo De Luca  “Campania Libera” i lavoratori  hanno invaso la sala del Teatro Gelsomino per contestare la scandalosa politica di De Luca. 

Per l’ennesima volta i lavoratori hanno esposto alla cortese attenzione del presidente De Luca tutti i punti che ad oggi non trovano risvolti positivi  dalla Giunta regionale: 

1) La data della partenza dei corsi di formazione retribuiti

2) Piani di ricollocazione per i lavoratori dopo i corsi di formazione

3) Se ci sarà l’assunzione dei 180 mila lavoratori, questa oggi è la promessa che  De Luca sbandiera ancora con la sua politica in Campania. Basta con queste vigliaccate, la situazione precipita ribadiscono i lavoratori che affermano: “Bisogna ripartire dalla riapertura del tavolo promesso, non ci sono ad oggi promesse di investimenti. Confindustria deve essere coinvolta totalmente nello sviluppo del lavoro” Bisogna ripartire dai PAC,  sono  tanti i  soldi per le  politiche attive e nessun sostentamento per i lavoratori, ai quali come a tanti scolaretti è stato proposto di ritornare a scuola e dimenticare gli anni senza stipendio  e le  promesse istituzionali non mantenute.

I dirigenti regionali seguono come soldatini le direttive dettate dal Jobs act di Renzi prima ora  di Gentiloni  che insieme  al ministro Poletti ha   sancito la  conclusione degli  ammortizzatori. È una vergogna – sentenziano i lavoratori -. E pensare che gran parte dei lavoratori hanno tentato in questi anni di trovare imprenditori disposti ad investire sul proprio territorio, sostituendosi alle istituzioni incapaci ed attente agli interessi.

Meglio il berlusconismo, almeno ci metteva tutti d’accordo ma soprattutto ci univa in lotte di piazza esempio la situazione francese  dove i  sindacati ed il popolo non hanno accettato  il diktat europeo sulle riforme del lavoro”. Ora si  deve cambiare la rotta, perché c’è in gioco il futuro del percorso occupazionale, ecco perché noi tutti chiediamo che la nostra protesta sia totalmente riconosciuta.

 

 

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa