Attualit

8 Marzo, non abbiamo nulla da festeggiare…

Napoli, 8 Marzo – Tanta, troppa violenza… A Messina Cristian Ioppolo, 26 anni, sotto interrogatorio alla squadra mobile, ha ammesso di avere ucciso la sua fidanzata, Alessandra Immacolata Musarra.

 La donna è stata ritrovata dai familiari, che alle prime luci del mattino hanno chiamato il 118: sul corpo sono stati evidenti segni di violenza, soprattutto al volto. Alessandra è stata picchiata a sangue con calci alla testa e pugni, ha i capelli strappati. Miano, è stato arrestato dalla Polizia Vincenzo Lopresto, di 41 anni, che ha ucciso la moglie, Fortuna Belisario, 36, in un appartamento alla periferia Nord di Napoli.

 L’uomo, che ha confessato davanti agli inquirenti, è accusato di omicidio volontario aggravato dalla crudeltà. Lo Presto ha colpito la moglie con una stampella ortopedica che lui stesso usava per i suoi spostamenti a causa di alcuni problemi ortopedici. Il movente della lite sarebbe la gelosia. La vittima lascia tre bambini di 7, 10 e 11 anni. Tutta questa violenza mentre si celebravano i funerali di Norina Matuozzo, 33 anni, uccisa dal marito Salvatore Tamburrino, a colpi di pistola. Norina è stata uccisa, in casa di sua madre, dall’uomo , reo confesso, vicino al clan del boss Marco Di Lauro, arrestato poche ore dopo l’omicidio.

Non c’è niente da festeggiare perchè l’8 marzo del 1921 a Mosca ci fu una grossa manifestazione femminile e femminista contro la dittatura Zarista. Non abbiamo nulla da festeggiare perchè in Occidente non ce la caviamo meglio. Perchè abbiamo paura a rientrare a casa da sole la sera tardi, perchè se abbiamo la minigonna e veniamo violentate è pure colpa nostra. Non abbiamo nulla da festeggiare perchè viviamo in una società che ti costringe al suicidio se per caso in rete si diffonde un tuo video hard. Non c’è niente da festeggiare perchè non puoi lasciare un uomo che quello ti cosparge di benzina e ti dà fuoco, oppure ti picchia e ti uccide. Non c’è nulla da festeggiare oggi.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print