Politica

8 Marzo, B. Matera (FI-PPE):”Disoccupazione Sud, ignorate direttive europee”

Roma, 7 Marzo – “E’ un fotografia drammatica quella sulla disoccupazione femminile al Sud Italia scattata oggi, alla vigilia dell’otto marzo, dall’Istat. E’ la certificazione assoluta di un’indolenza politica dell’attuale come dei precedenti governi delle sinistre che rischia di vanificare non solo il percorso di parità di genere avviato col governo Berlusconi, l’unico non a caso ad istituire un ministero ad hoc poi puntualmente cancellato dal centrosinistra, ma anche di azzerare gli sforzi compiuti dall’Unione Europea in termini di iniziative politiche e normative sulla parità di genere”. Lo afferma l’onorevole Barbara Matera (FI) europarlamentare del PPE, vice Presidente della Commissione per i diritti della donna e l’uguaglianza di genere (FEMM) del Parlamento Europeo.

“Se nel Mezzogiorno più che altrove si registrano il più alto tasso di disoccupazione femminile, le maggiori difficoltà di accesso e permanenza nel mondo del lavoro e il più ampio divario salariale uomo-donna  – sottolinea l’esponente di Forza Italia -, è perché i temi e le direttive europee come quelle sul lavoro, sulla parità di accesso all’impiego, ai beni e servizi e al trattamento nelle attività autonome, così come sui congedi parentali e l’uguaglianza di genere nella sicurezza e nei servizi sociali, quando non sono stati completamente ignorati non hanno comunque trovato reale attuazione”. “Soprattutto, paradossalmente, – conclude – da parte di quelle forze politiche che più di altre hanno ritenuto e ritengono di essere depositarie assolute della cultura di genere”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa