Attualita'

2 Giugno, Festa della Repubblica: per la prima volta sfileranno anche 400 sindaci

La Festa della Repubblica Italiana è una giornata celebrativa nazionale italiana istituita per ricordare la nascita della Repubblica. Il 2 giugno di 70 anni fa, con suffragio universale, l’Italia sceglieva la Repubblica. Il 2 giugno fu una data storica anche per un altro motivo, assolutamente primario: fu la prima partecipazione delle donne al voto.

Questa mattina suggestiva cerimonia all’Altare della Patria e parata ai Fori imperiali, e per la prima volta sfileranno anche 400 sindaci: “Nella tradizionale parata di quest’anno – scrive il Ministro della Difesa Roberta Pinotti –  i Sindaci di oltre quattrocento Comuni italiani sfileranno insieme ai militari e alle altre componenti dello Stato per festeggiare questo importante anniversario: società civile e mondo militare saranno insieme anche in questa occasione, a conferma di un processo di reciproca osmosi sempre più spinto e con l’impegno comune a contribuire alla ripresa e alla crescita dell’Italia”.

L’inizio delle cerimonie è previsto per le 9.55 con il tradizionale alzabandiera che si terrà presso l’Altare della Patria (Piazza Venezia) e con l’omaggio al Milite Ignoto da parte del Presidente della Repubblica. Sergio Mattarella depositerà una corona d’alloro alla presenza della massime cariche dello Stato, come i presidenti di Camera e Senato e il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi.

“Il 2 Giugno è la festa degli Italiani e della libertà di scelta. Con il diritto di tutti al voto, la Festa della Repubblica celebra il salto di qualità del Paese, l’Italia è molto migliore di come la si dipinge”. Queste le parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarella in una intervista concessa al Corriere della Sera.

Non mancherà questa mattina il sorvolo dell’area da parte delle Frecce Tricolori che lasceranno una scia rossa, bianca e verde nei cieli della Capitale.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa